Arabia Saudita: sostegno all’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile

Pubblicato il 18 giugno 2019 alle 10:27 in Arabia Saudita Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Custode delle Due Sacre Moschee, il re saudita Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha confermato il proprio sostegno finanziario all’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO).

Quest’ultima è un’agenzia autonoma delle Nazioni Unite, la cui missione è sviluppare i principi e le tecniche per la navigazione aerea internazionale, le rotte e gli aeroporti, oltre a promuovere la progettazione e lo sviluppo del trasporto aereo internazionale, con l’obiettivo di renderlo più sicuro ed ordinato. A tale scopo, il Consiglio dell’ICAO adotta degli standard e delle raccomandazioni riguardanti la navigazione aerea e l’aviazione civile. Inoltre, l’organizzazione definisce altresì dei protocolli per le indagini degli incidenti aerei che vengono seguiti dalle autorità per la sicurezza del trasporto dei Paesi firmatari della convenzione sull’aviazione civile internazionale, ovvero la convenzione di Chicago, siglata nel 1944.

In particolare, il sovrano saudita ha fornito il proprio sostegno all’iniziativa “No country left behind”, “Nessun Paese è dimenticato”, il cui scopo è far sì che tutti i Paesi siano in grado di applicare gli standard elaborati dall’organizzazione. Con gli aiuti da parte saudita, pari a circa 1 milione di dollari, si mirerà altresì a sostenere i Paesi in via di sviluppo, affinchè possano mettere in pratica le norme e le raccomandazioni che garantiscono la sicurezza dell’aviazione civile, oltre a tradurre in arabo i documenti elaborati dall’ICAO.

L’Autorità Generale per l’Aviazione Civile saudita, Abdul Hadi Al- Mansouri, ha espresso la propria riconoscenza per il sovrano saudita, per il suo sostegno al settore dell’aviazione a livello locale, regionale e globale. Ciò contribuisce allo sviluppo dell’industria aeronautica nel mondo e innalza il livello di sicurezza dell’aviazione civile sia nei Paesi in via di sviluppo sia in quelli sottosviluppati.

A detta di Al- Mansouri, grazie al finanziamento da parte saudita, sin dal 2016, è stato possibile migliorare la sicurezza aerea e la protezione dell’aviazione civile in Medio Oriente e in Africa, nonché sviluppare le risorse umane operanti nel settore. Da parte sua, il presidente dell’ICAO, Olomouya Benard Alliot, ha ringraziato il sovrano saudita per aver rinnovato il proprio sostegno finanziario per la seconda volta, che ha contribuito e contribuirà a realizzare le iniziative in programma.

Il contributo saudita si inserisce in un piano più ampio del Regno, che prevede il sostegno a tutti gli enti e le organizzazioni internazionali e regionali di maggiore rilevanza, con l’obiettivo di svolgere un ruolo centrale al loro interno. A tal proposito, l’Arabia Saudita è divenuta membro del Consiglio di Organizzazione dell’ICAO dapprima nel 1986 e successivamente, nel corso degli anni, è stata rieletta più volte. Riad ha avuto modo di mostrare il suo impegno nel campo dell’aviazione e della sicurezza aerea, a tal punto da diventare membro anche del Consiglio Regionale per le Risorse umane del Consiglio Internazionale degli Aeroporti dell’Asia e del Pacifico. Anche in questo caso, ha fornito sostegno economico e tecnico, con l’obiettivo di raggiungere gli scopi desiderati.

Il regno saudita è altresì tra i firmatari della Convenzione di Chicago del 1944. Si tratta di un trattato internazionale firmato da 52 Stati, il cui scopo è promuovere i rapporti di pace delle nazioni attraverso lo sviluppo dei trasporti aerei. Con l’accordo si definiscono altresì alcuni principi comuni volti a scongiurare attriti e incomprensioni tra gli Stati, oltre a garantire un trasporto aereo internazionale sicuro. La convenzione stabilisce che ciascuno Stato ha la sovranità nazionale assoluta ed esclusiva sullo spazio aereo sovrastante il proprio territorio ed afferma la libertà del traffico aereo, oltre al diritto di sorvolo del territorio dello Stato contraente ed il diritto di imbarcare e sbarcare passeggeri, posta e merci provenienti dal territorio di ogni Stato contraente o ad esso destinati.

 

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Piera Laurenza, interprete di arabo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.