Immigrazione, Turchia: affonda imbarcazione, almeno 8 morti

Pubblicato il 17 giugno 2019 alle 16:05 in Immigrazione Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Una imbarcazione con a bordo oltre 30 migranti diretta verso la Grecia è affondata a largo delle coste della Turchia, causando la morte di almeno 8 persone.

È quanto accaduto lunedì 17 giugno, quando la Guardia costiera turca ha annunciato di aver condotto una operazione di salvataggio nelle prime ore del mattino, nei pressi della costa di Bodrum, nel Mar Egeo, a circa 24 chilometri dall’isola greca di Kos.

Stando alle dichiarazioni delle autorità della Turchia, a fronte dei 31 migranti salvati, altri 8 sono stati ritrovati privi di vita all’interno del relitto dell’imbarcazione, che si trovava già 32 metri sotto il livello del mare.

Le operazioni di salvataggio, che hanno coinvolto due imbarcazioni della guardia costiera, insieme a una squadra di sommozzatori e a un elicottero, risultano ancora in corso.

In particolare, secondo quanto riportato da una testata greca, la DHA, i sommozzatori sarebbero al momento alla ricerca di un migrante mancante all’appello.

I motivi all’origine dello sprofondamento dell’imbarcazione sono ancora ignoti.

La tragedia è avvenuta a soli 6 giorni di distanza dall’ultimo affondamento di una imbarcazione nel Mar Egeo, al confine tra Grecia e Turchia, che aveva causato la morte di 7 persone, a fronte dei 57 migranti tratti in salvo dalla Guardia Costiera greca nei pressi dell’isola di Lesbo.

Secondo le stime dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM), dall’1 gennaio al 12 giugno 2019 sono arrivati in Europa 31.198 migranti, di cui 24.629 via mare e 6.569 via terra. Del totale dei migranti giunti su suolo europeo, 15.435 sono giunti in Grecia, 10.661 in Spagna, 2.128 in Italia, 1.241 a Cipro e 1.054 a Malta. Il numero dei morti e dispersi ammonta invece a 555. Paragonando i dati alle cifre riguardanti lo stesso periodo del 2018, gli arrivi sono diminuiti del 33,71%.

In particolare, per quanto concerne la Grecia, secondo i dati dell’IOM e delle autorità nazionali di Atene, dal primo gennaio al 12 giugno 2019, nel Paese sono arrivati via mare complessivamente 11.683 migranti. Paragonando i dati allo stesso periodo dello scorso anno, in Grecia sono arrivati 242 migranti in meno, corrispondente ad una diminuzione del 2%. Per quanto concerne gli arrivi via terra, nello stesso lasso di tempo sono arrivati in Grecia 3.752 migranti, corrispondenti al 24% del totale.

Dal 6 al 12 giugno, il totale dei migranti nel Paese è aumentato del 5%. In tale periodo, la Grecia ha accolto 609 ulteriori migranti, i quali sono giunti via mare.

Stando all’ultima rilevazione effettuata nel mese di febbraio 2019 dalle autorità di Atene, i migranti che giungono in Grecia sono principalmente provenienti dall’Afghanistan, dai territori palestinesi, dalla Siria, dall’Iraq e dal Congo.

 Consulta l’archivio sull’immigrazione di Sicurezza Internazionale, dove troverai centinaia di articoli in ordine cronologico.

Jasmine Ceremigna

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.