Italia-Francia: Fincantieri sigla accordo con Naval Group

Pubblicato il 14 giugno 2019 alle 18:16 in Francia Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Italia e la Francia hanno avviato una nuova alleanza tra Fincantieri e Naval Group, aziende statali costruttrici di navi da guerra.

L’accordo, siglato venerdì 14 giugno, ha istituito una joint venture ripartita in due quote, egualmente divise tra le 2 aziende di Stato di Roma e Parigi. Un primo 50% è dell’italiana Fincantieri. La seconda metà appartiene invece alla francese Naval Group. La joint venture porterà alla progettazione di nuove imbarcazioni, dirette al mercato mondiale.

Nell’arco di 10 anni, la neonata alleanza si è posta un obiettivo in termini di numero di imbarcazioni da guerra da costruire pari a circa 10 o 15 navi. Nello stesso periodo, vorrebbero ricevere ordini per un valore economico pari a circa 5 miliardi di euro.

Secondo quanto dichiarato dal direttore esecutivo della Naval Group, Herve Guillou, l’accordo è “il risultato di una ambizione industriale condivisa, ovvero il posizionamento a lungo termine nel mercato navale europeo, il quale ha subito nel tempo un profondo cambiamento”. Guillou ha poi spiegato: “Siamo decisamente le due costruttrici navali più grandi d’Europa, ma non possiamo rimanere competitivi né massimizzare il nostro profitto se facciamo affidamento solo al nostro mercato interno”. In tale contesto, ha aggiunto Guillou, l’industria navale si sta rivelando un mercato in crescita di circa 7 punti percentuali annui, “ma è anche il settore dove le nuove fonti di concorrenza ci stanno attaccando maggiormente”.

A tale riguardo, secondo quanto riportato da Reuters, la decisione dei due Paesi riflette la loro intenzione e il loro desiderio di allontanare la competizione in materia di navi da guerra da Stati quali la Cina, la Russia e gli Stati Uniti. In linea con ciò, stando a quanto ricostruito da France24, nel 2018 l’azienda più grande nel settore delle costruzioni navali è stata la cinese CSIC. Nel 2019, secondo alcune previsioni, la seconda classificata potrebbe essere di bandiera russa.

I due importanti colossi dell’industria navale europea hanno reso noto che cercheranno di massimizzare i benefici, condividendo gran parte dell’azione di ricerca e di collaudo, nonché la partecipazione a gare d’appalto con progetti comuni, in ambito bilaterale o finalizzati all’esportazione.

La nuova joint venture avrà sede a Genova, mentre il centro ingegneristico sarà concentrato in una regione meridionale della Francia, la Var. Per quanto concerne la sua struttura, il direttore esecutivo sarà il francese Claude Centofanti, mentre il presidente sarà l’attuale amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono.

La joint venture, stando al comunicato ufficiale di Fincantieri, verrà istituita nei prossimi mesi, e comunque entro la fine dell’anno, dando concretezza al progetto “Poseidon”, preannunciato nel mese di ottobre 2018.

Secondo quanto dichiarato da Fincantieri, “l’Allenza rappresenta una grande opportunità per entrambi i gruppi e i relativi ecosistemi per incrementare la loro capacità di essere al servizio della Marina italiana e di quella francese, così come di esportare i propri prodotti, di sviluppare nuove tecnologie e di migliorare la loro competitività nel mercato navale di entrambi i Paesi”.

Al momento della firma dell’accordo, in una dichiarazione congiunta, i nuovi vertici della joint venture, Bono e Guillou, hanno dichiarato di essere “molto soddisfatti dei risultati raggiunti” e di “ringraziare i rispettivi governi che negli ultimi mesi hanno lavorato, e ancora lavorano, fianco a fianco con Fincantieri e Naval Group, con lo scopo di concludere un accordo che assicuri la protezione degli interessi nazionali, promuovendo al tempo stesso la cooperazione tra le due realtà”. I due hanno infine dichiarato: “Questo impegno ci consentirà di servire al meglio le nostre Marine militari, di fornire il supporto adeguato alle operazioni di esportazione condivise e di gettare in modo effettivo le fondamenta per il consolidamento di una industria europea della Difesa”.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Jasmine Ceremigna

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.