Lavrov: nessuna concessione ai terroristi di Idlib

Pubblicato il 11 giugno 2019 alle 13:05 in Russia Siria Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli Esteri della Federazione Russa, Sergej Lavrov, ha dichiarato nella giornata di oggi che la Russia e l’esercito siriano non lasceranno senza risposta le azioni dei terroristi ad Idlib e la crisi verrà risolta senza far alcuna concessione ai terroristi.

“La cosa principale è che, in accordo con il memorandum di Soči, è stato raggiunto un accordo sulla necessità di dissociare l’opposizione armata dai terroristi di al-Nusra, che poi hanno creato il movimento Hayat Tahrir Ash-Sham. La Turchia dovrebbe ricoprire il ruolo principale secondo l’accordo che è stato raggiunto e siglato dai presidenti Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdoğan”, ha dichirato il ministro nel corso di una conferenza stampa.

Secondo quanto dichiarato da Lavrov, Mosca parte dal presupposto che “serve implementare l’accordo al più presto perché il tempo scorre e i terroristi pianificano e perpetrano regolarmente attacchi provocatori, bombardando e distruggendo, anche mediante l’uso di lanciarazzi e droni, le posizioni dell’esercito siriano e le aree popolate, così come la base aerea militare russa Khmeimim”.

“Naturalmente non lasceremo che queste azioni rimangano impunite. Serve una risposta dura e contundente tanto da parte nostra come da parte dell’esercito siriano […] con il memorandum di Soči ci siamo impegnati a non mostrare alcuna forma di indulgenza verso i terroristi”, ha concluso il ministro degli Esteri.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.