USA: nostri sistemi anti-missili impotenti contro Avangard russi

Pubblicato il 5 giugno 2019 alle 6:10 in Russia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il sistema di difesa anti-balistica USA non è in grado di fermare il nuovissimo missile balistico intercontinentale russo Sarmat ed è inerte contro il complesso missilistico ipersonico Avangard. Lo riferisce il portale Military Watch.

Il sistema di difesa anti-balistica statunitense comprende il complesso missilistico terra-aria Patriot, i sistemi di difesa anti-balistica AEGIS e AEGIS Ashore, il sistema antimissile contro missili balistici a medio e corto raggio THAAD, il complesso per la difesa anti-balistica strategica GMD.

Nessuno di questi mezzi, tuttavia, sarebbe in grado di intercettare i più moderni missili russi e quindi si dimostrerebbe inerte contro di essi. Il sistema Patriot, il migliore tra l’arsenale americano, è comunque inferiore ai  sistemi missilistici terra-aria S-300 russi.

I sistemi americani, infatti, possono colpire un missile balistico intercontinentale solo mentre si sta abbassando. È così che nel 2017 il sistema AEGIS non è riuscito a osservare la traiettoria del missile nordcoreano Hwasong e a colpirlo.

L’Avangard (conosciuto anche come Objekt 4202, Yu-71 e Yu-74) è un motoaliante ipersonico sviluppato dalla Russia, che può essere trasportato da missili balistici intercontinentali (ICBM) come l’UR-100UTTKh, l’R-36M2 e l’RS-28 Sarmat (quest’ultimo in assetto da assalto pesante potrebbe alloggiarne fino a 24) come MARV, ossia come veicolo di rientro capace di compiere violente manovre sia nella fase di rientro atmosferico che nella fase di volo terminale, per il trasporto di testate nucleari o convenzionali.

Il sistema è entrato in servizio nel marzo del 2018 e il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che si tratta di una delle sei nuove armi strategiche russe che non temono nessuno degli strumenti di difesa dei possibili avversari.

Talvolta con “Avangard” si vuole intendere l’intero complesso missilistico costituito dall’ICBM e dal veicolo di rientro.

Il Sarmat è un complesso missilistico strategico di quinta generazione intercontinentale pesante bistadio a propellente liquido, lanciabile a freddo da silos. La sua principale differenza dagli alti missili consiste nel fatto che Sarmat è in grado di lanciare le testate secondo traiettorie particolarmente complesse. I primi missili in serie entreranno a far parte dell’arsenale dell’esercito nel 2021.

Il complesso missilistico ipersonico Avangard è capace di eseguire voli anche negli strati più densi dell’atmosfera coprendo distanze intercontinentali a velocità che superano quella del suono di più di 20 volte.

Inoltre, colpire il missile è praticamente impossibile, in quanto è difficile calcolarne la traiettoria. Per riuscire ad intercettarlo, il missile di difesa dovrebbe essere il 50% più veloce.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.