Kosovo: Vučić ringrazia Russia per aver sostenuto la Serbia

Pubblicato il 5 giugno 2019 alle 6:20 in Russia Serbia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente della Serbia Aleksandar Vučić ha espresso rammarico per il ferimento di un ispettore russo dell’ONU durante un blitz delle forze speciali kosovare.

Il capo di Stato serbo ha inoltre ringraziato la Russia per la solidarietà e la ferma condanna del blitz delle forze speciali kosovare indipendentiste nel nord della regione autonoma serba. Lo ha dichiarato durante i colloqui con il presidente della Duma russa Vyacheslav Volodin.

“Vučić ha espresso la sua gratitudine per il sostegno e la legittima e risoluta condanna della nuova invasione dei reparti delle forze speciali del Kosovo nel nord della regione e per gli arresti violenti dei serbi, il cui scopo era intimidire la comunità serba. Le forze speciali del Kosovo hanno ferito un cittadino russo, un impiegato della missione delle Nazioni Unite”, si legge in un comunicato stampa dell’amministrazione presidenziale serba rilasciato a margine dei colloqui.

Il presidente serbo ha informato Volodin dei problemi nel processo diplomatico con Pristina, sottolineando che i kosovari non hanno ancora onorato la principale condizione dell’accordo di Bruxelles, vale a dire la creazione di una comunità di municipalità serbe.

Da parte sua, il presidente della Duma russa ha elogiato i progressi economici della Serbia, sottolineando che questo successo acquisisce un valore persino maggiore, in quanto è stato conseguito “in condizioni geopolitiche estremamente difficili”.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.