Consiglio d’Europa valuta riammissione Russia nell’APCE

Pubblicato il 4 giugno 2019 alle 13:09 in Europa Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Commissione Regolamento dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE) ha pubblicato un progetto di risoluzione secondo il quale la Russia avrà la possibilità di partecipare alla sessione di giugno.

Il testo della risoluzione è stato pubblicato sul sito dell’APCE.

“La Commissione propone di retrocedere dal regolamento APCE per avere la possibilità di invitare i rappresentanti dei parlamenti dei Paesi membri che non sono rappresentati da una delegazione all’Assemblea, la Bosnia ed Erzegovina e la Federazione Russa”, si legge sul sito dell’Assemblea.

Nel comunicato si legge inoltre che i Paesi in questione sono invitati a preparare i documenti per la partecipazione alla sessione di giugno.

In precedenza, la presidente dell’Estonia Kersti Kaljulaid aveva criticato la decisione di ripristinare il diritto della Russia a partecipare all’attività dell’APCE.

Il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa ha preso la decisione di aprire la possibilità per la delegazione russa di ritornare nell’APCE il 14 maggio a Strasburgo.

Ad aprile 2014, la Russia è stata privata di una serie di diritti da parte dell’APCE. La causa era legata alle vicende nell’Ucraina orientale e all’annessione della Crimea. Nonostante nel 2015 l’Assemblea abbia considerato l’annullamento delle sanzioni nei confronti della Russia per due volte, le misure restrittive hanno continuato ad essere valide: la delegazione russa non  partecipava alle attività degli organi decisionali dell’Assemblea e alle missioni di monitoraggio. A giugno 2017 la Russia ha congelato il pagamento del contributo versato dai membri.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.