Cuba legalizza reti wi-fi private

Pubblicato il 31 maggio 2019 alle 6:30 in America Latina Cuba

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Mercoledì 29 maggio il governo di Cuba ha annunciato che consentirà la creazione di reti di trasmissione dati private cablate o wireless, fino ad ora vietate nel paese, e autorizzerà l’importazione di modem e apparecchiature di trasmissione fino ad ora vietate, secondo quanto hanno riferito i media di stato.

Inoltre, il governo cubano darà un periodo di 60 giorni ai privati per regolarizzare le reti Wi-Fi che erano già in funzione, indipendentemente dalla legalità o meno delle stesse. Nel caso dell’importazione di modem, sia i cubani che gli stranieri che desiderano introdurli sull’isola devono richiedere una licenza presso il Ministero delle comunicazioni entro un periodo di 30 giorni lavorativi.

Le misure, contenute in due risoluzioni del Ministero delle Comunicazioni pubblicate oggi nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica di Cuba, entreranno in vigore il 29 luglio per “ordinare reti private di dati e sistemi wireless ad alta velocità a 2,4 GHz e 5 Ghz ” – ha spiegato il direttore del Regolamento del Ministero delle Comunicazioni, Wilfredo López, citato dal quotidiano ufficiale Juventud Rebelde.

Nell’isola, fino a poco tempo uno dei paesi al mondo con la minor connessione, si sta rapidamente sviluppando un processo di informatizzazione che negli ultimi due anni ha incluso l’autorizzazione di accesso a internet da parte delle famiglie e consentendo il servizio sui telefoni cellulari 3G. In precedenza era possibile connettersi solo in appositi hotspot stabiliti dall’impresa di telecomunicazioni ETECSA in alcuni punti precisi delle principali città e delle zone turistiche. 

La creazione di reti di dati sarà consentito per entrambe le persone fisiche e giuridiche al fine di “contribuire alla informatizzazione della società, il benessere dei cittadini, la sovranità e la prevenzione contro gli effetti nocivi delle radiazioni non ionizzanti” – ha spiegato López.

Secondo le informazioni pubblicate mercoledì 29 maggio, saranno concesse licenze di esercizio al di fuori reti dati private per le persone fisiche, che possono essere utilizzati nella banda di frequenza 2400 MHz a 2483,5 MHz, e la banda di 5725 MHz a 5850 MHz .

Quando si tratta di reti senza scopo di lucro e situate all’interno di una casa, non sarà necessario avere una licenza. In precedenza le reti wi-fi private erano consentite sono previa autorizzazione delle autorità e concesse a un numero limitatissimo di persone o famiglie legate al mondo della cultura, della politica e dello sport, per motivi speciali o di lavoro.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e dall’inglese e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.