Nepal: 3 esplosioni nella capitale, 4 morti, 7 feriti

Pubblicato il 26 maggio 2019 alle 18:56 in Asia Nepal

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

4 persone sono morte e 7 sono rimaste ferite in 3 diverse esplosioni nella capitale del Nepal, Kathmandu, domenica 26 maggio; la polizia locale sospetta un gruppo di ribelli maoisti.

“Tre persone sono rimaste uccise sul colpo e la quarta è morta mentre veniva operata in ospedale”, ha reso noto l’ufficiale di polizia locale Shyam Lal Gyawali, aggiungendo che la causa e la dinamica delle esplosioni sono al momento sotto indagine. Una delle vittime è stata uccisa in una detonazione interna a una casa nell’area residenziale di Ghattekulo, nel cuore della città, come ha confermato la testimonianza dello studente 17enne Govinda Bhandari. La seconda esplosione è avvenuta vicino al negozio di un parrucchiere nel quartiere di Sukedhara, nella zona periferica della capitale; in questa seconda esplosione sono rimaste uccise le altre 3 persone. Infine, la terza detonazione, causata da un ordigno artigianale, è avvenuta nei pressi di un mattonificio nel distretto di Thankot, e ha causato il ferimento di 2 persone. Tutti i 7 feriti sono stati trasportati all’ospedale più vicino. Al momento, nessun gruppo o organizzazione terroristica ha ancora rivendicato il triplice attentato.

Gyawali, l’ufficiale di polizia che ha diffuso la notizia, ha inoltre aggiunto che le forze dell’ordine sospettano l’attacco sia opera di un’ala distaccatasi da un ex gruppo di ribelli maoisti che si oppongono al governo del Nepal, il quale ha fatto arrestare alcuni dei membri. Sul sito della prima esplosione, è stato trovato un pamphlet del gruppo in questione. Inoltre, la casa veniva usata per fabbricare ordigni artigianali dagli attivisti del gruppo. Tra i feriti, vi sarebbe proprio uno dei sostenitori di tale gruppo.

L’ala separatasi dal gruppo di ex ribelli maoisti aveva già condotto un simile attacco bomba a Kathmandu nel mese di febbraio; in tale occasione, una persona era morta e 2 erano rimaste ferite.

Il Nepal è fuoriuscito, nel 2006, da una guerra civile durata un decennio e combattuta tra il governo e i maoisti; con la fine del conflitto, le due fazioni hanno infine raggiunto un accordo per una Costituzione provvisoria, e il principale gruppo di ex ribelli si è unito al partito che attualmente governa il Paese. Nel 2007, è stato approvato dal Parlamento un emendamento costituzionale che ha costituito il primo passo per la trasformazione del Nepal in una Repubblica federale

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

 

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.