Malta: salvati 216 migranti da due gommoni nel Mediterraneo

Pubblicato il 25 maggio 2019 alle 10:54 in Europa Immigrazione

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Una nave pattuglia delle forze armate maltesi ha messo in salvo, venerdì 24 maggio, oltre 200 migranti che si trovavano a bordo di due gommoni nel Mediterraneo, e li ha poi portati a Malta, ha riferito un portavoce nella giornata di sabato.

Tra i 216 migranti, la cui nazionalità è ancora ignota, vi sono una donna incinta e numerosi bambini. Un portavoce delle Forze Armate Maltesi ha riferito che, venerdì 24 maggio, il Paese ha mobilitato una nave pattuglia nazionale, la quale ha raggiunto un gommone che stava affondando a sud di Malta. Dopo aver tratto in salvo i migranti a bordo, di ritorno verso l’isola, l’imbarcazione si è diretta verso un secondo gommone, salvando un secondo carico di migranti. Il portavoce militare ha inoltre spiegato che, visto il meteo propizio degli ultimi giorni, sono partite numerose imbarcazioni di migranti da Libia, Tunisia, e Algeria; di queste, 12 sono arrivate in Italia, in particolare in Sicilia, Sardegna e Lampedusa.

Nella giornata di venerdì 24 maggio, anche la Guardia costiera libica aveva reso noto di aver salvato 290 migranti, i quali si trovavano a bordo di gommoni gonfiabili, a largo delle coste tripoline.

L’ultima operazione a Malta era avvenuta nella serata di venerdì 10 maggio, quando una nave pattuglia aveva tratto in salvo 85 migranti, e li aveva trasportati a Malta nella mattina di sabato. Lo stesso giorno, oltre 60 migranti avevano perso la vita a largo delle coste tunisine.

Il Commissario dell’Unione Europea per la Migrazione, Dimitris Avramopoulos, ha visitato Malta nella giornata di martedì 7 maggio. In tale occasione, Avramopoulos ha lodato l’isola per la sua risposta concreta all’immigrazione clandestina nel Mediterraneo, affermando: “Senza dubbio, Malta sta facendo fronte a grandi sfide migratorie paragonate alla densità della sua popolazione”. Il Commissario Onu ha aggiunto che, in generale, a livello dell’Unione Europea, si è ritornati ai livelli di arrivi irregolari pre-crisi, ma che gli sbarchi a Malta sono aumentati nel corso del 2018 per via delle operazioni SAR (Search And Rescue) avviate nel mar Mediterraneo, e per via della precaria situazione vigente in Libia.

 

Consulta l’archivio sull’immigrazione di Sicurezza Internazionale, dove troverai centinaia di articoli in ordine cronologico.

Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.