Brasile: scontro a fuoco in un bar provoca 11 morti

Pubblicato il 20 maggio 2019 alle 9:29 in America Latina Brasile

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno 11 persone sono state uccise questa domenica in uno scontro a fuoco in un bar della città di Belem, nel nord del Brasile. Gli aggressori sono sette uomini che sono entrati nei locali incappucciati e armati con armi pesanti e fucili di precisione e hanno iniziato a sparare ai clienti e agli impiegati del locale. Una persona è sopravvissuta all’attacco ed è sotto la custodia della polizia militare dello stato di Pará, secondo quanto riferisce la stampa brasiliana.

Tra i defunti ci sono cinque uomini e sei donne, tra cui il proprietario del bar. Gli aggressori sono arrivati armati a bordo di una motocicletta e tre auto, hanno sparato più colpi, per lo più alla testa delle vittime, e sono riusciti a fuggire, secondo quanto riferiscono alcuni testimoni ai media locali. Alcuni clienti presenti nel bar sono riusciti a nascondersi e sono stati soccorsi dai servizi di emergenza brasiliani.

Le autorità hanno aperto un’indagine, ma non si sono esposte sul motivo della sparatoria o sull’identità delle vittime. Una fonte della polizia che ha chiesto l’anonimato ha dichiarato all’agenzia di stampa EFE che gli agenti lavorano alla possibilità che si tratti di una disputa tra le fazioni criminali per il controllo del traffico di droga nella regione, il cui tasso di violenza è superiore alla media nazionale. Un’altra linea di indagine, secondo la fonte, è che potrebbe essere una vendetta per la morte di due agenti della polizia militare la scorsa settimana.

Il bar dove si è verificato il massacro si trova nel quartiere di Guamá, uno dei quartieri di Belém in cui lo scorso marzo il governo federale aveva dislocato un rinforzo della polizia federale nel quadro della lotta contro il crimine. Due mesi fa, con l’obiettivo di combattere la forte ondata di violenza che affligge lo stato, il ministro della Giustizia e della sicurezza pubblica del Brasile, Sergio Moro, ha accolto la richiesta del governatore di Pará, Helder Barbalho, e ha autorizzato l’invio di centinaia di agenti delle forze di sicurezza federali.

Il governatore di Pará, Helder Barbalho, ha convocato un incontro di emergenza con funzionari della pubblica sicurezza di stato presso il Palazzo del Governo. In un video pubblicato sui suoi  account di diversi social network durante la notte, Barbalho ha detto che ha lavorato per dare “assoluta agilità alle indagini”.

“Non tiriamoci indietro. Se questo incidente si è verificato nel quartiere di Guamá significa che è volto a intimidire le azioni di pubblica sicurezza del governo, ma noi resteremo fermi e lavoreremo per garantire il diritto della popolazione ad avere pace e sicurezza di qualità” – ha affermato il governatore.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal portoghese e dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.