Nigeria: Isis rivendica uccisione di 11 soldati

Pubblicato il 12 maggio 2019 alle 11:18 in Africa Nigeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

 Lo Stato Islamico ha ucciso 11 soldati nigeriani in un attacco scagliato contro la cittadina nord-orientale di Gajiganna, ha riferito l’agenzia di stampa del gruppo, Amaq, sabato 12 maggio.

L’attacco, secondo i media dell’organizzazione jihadista, è avvenuto nella giornata di venerdì 11 maggio, a Gajiganna, cittadina nigeriana situata nello Stato del Borno. Amaq ha pubblicato immagini di una caserma in preda alle fiamme e di corpi senza vita che, secondo le didascalie, appartenevano a 11 soldati delle truppe governative. Tre fonti indipendenti, tra cui un operatore ospedaliero, hanno confermato l’attacco, rendendo noto che i militanti hanno fatto irruzione nel villaggio su una moto intorno alle 18.30, ora locale, aprendo il fuoco indiscriminatamente sui residenti e sull’esercito. I miliziani islamisti sono poi fuggiti mentre le truppe nigeriane chiamavano rinforzi aerei e via terra dal villaggio confinante. 

Lo Stato Islamico dell’Africa Occidentale (ISWAP)  ha condotto una serie di attacchi in Nigeria nel corso degli ultimi mesi. Il gruppo si è separato dal gruppo locale Boko Haram nel 2016. Nonostante il capo di Stato nigeriano,  Muhammadu Buhari, il quale ha vinto le elezioni del 27 febbraio 2019 aggiudicandosi un secondo mandato per i prossimi 4 anni, abbia più volte annunciato di essere riuscito a debellare l’organizzazione terroristica, gli attacchi degli ultimi mesi, tra cui il sequestro di circa 100 ragazze a Dapachi, il 19 febbraio, e il duplice attentato terroristico del 2 maggio, a Mubi, hanno dimostrato che il gruppo resta attivo.

Da quando Boko Haram ha avviato le proprie offensive, nel 2009, più di 30.000 persone sono state uccise e circa 2,6 milioni di cittadini hanno abbandonato le loro case. La rivolta, cominciata nel Nord-Est della Nigeria, si è allargata fino a coinvolgere Niger, Ciad e Camerun, causando una grave crisi umanitaria nella regione. Per combattere i ribelli, i quattro Stati hanno istituito, nell’aprile 2012, una Task Force multinazionale congiunta (MNJTF).

Il Country Report on Terrorism del governo americano informa che, nel corso del 2017, Boko Haram e lo Stato islamico dell’Africa Occidentale (ISWA) hanno compiuto complessivamente 276 attacchi, che hanno causato 1278 morti e 949 feriti, posizionandosi al quinto posto nella lista delle organizzazioni terroristiche più letali al mondo dopo Isis, Talebani, al-Shabaab e il Partito Comunista indiano. La Nigeria continua a collaborare con altri vicini colpiti dal terrorismo nella task force multinazionale congiunta, tra cui Benin, Camerun, Ciad e Niger per contrastare i terroristi.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.