Cuba e Russia firmano un memorandum di cooperazione scientifica

Pubblicato il 9 maggio 2019 alle 6:30 in Cuba Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Fernando González Bermúdez, primo Vice Ministro della Scienza, della Tecnologia e dell’Ambiente di Cuba, ha firmato nella città di Sochi, in Russia, un memorandum d’intesa con Nikolaj Spasskij, vice direttore generale dell’agenzia atomica statale russa Rosatom.

Il documento getta le basi per lo sviluppo della collaborazione nella formazione dei quadri scientifici e la formazione di specialisti cubani in Russia, riferiscono fonti di entrambi i paesi.  

González Bermúdez ha firmato inoltre, questa volta con Boris Arseev, direttore del business internazionale della Rosatom un  protocollo di collaborazione per promuovere le tecnologie di irradiazione e produzione di isotopi tramite la creazione di complessi tecnico-scientifici legati all’agricoltura e alla salute.

Entrambi i vertici si sono tenuti durante la III sessione del Comitato di coordinamento congiunto dell’accordo tra i governi di Cuba e della Federazione russa sulla collaborazione nel campo dell’energia atomica per scopi pacifici.

González Bermúdez ha assistito alla Fiera Internazionale dell’atomo civile russo ATOMEXPO, alla quale hanno partecipato specialisti dell’Agenzia per l’Energia Nucleare e le Tecnologie Avanzate di Cuba (AENTA), una delle due agenzie dipendenti dal Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Ambiente di Cuba

Le principali funzioni dell’AENTA sono lo sviluppo, la promozione e l’uso pacifico delle applicazioni nucleari nella medicina nucleare, la produzione di radiofarmaci per il trattamento del cancro e altre malattie, tra le principali cause di morte a Cuba.

Per queste funzioni, è un’istituzione centrale nella collaborazione di Cuba con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) e al contempo gestisce progetti e fornisce servizi scientifici e tecnologici e prodotti ad alto valore aggiunto relativi a tecnologie nucleari, fonti di energia rinnovabile e altro tecnologie avanzate, che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del paese.

Un gruppo di 30 giovani laureati cubani, specialisti e professori del settore nucleare migliorano la loro formazione individuale nelle università e nei centri di ricerca in Russia, secondo gli accordi in vigore tra i due paesi. González Bermúdez ha aggiunto che l’obiettivo è quello di promuovere lo scambio di specialisti e progetti di sviluppo scientifico della cooperazione nell’uso pacifico dell’energia nella ricerca medica, smaltimento dei rifiuti nucleari, la sicurezza, la tecnologia di irradiazione per la conservazione degli alimenti, la produzione di isotopi per scopi medici e la formazione di specialisti.

Tra i centri russi coinvolti l’istituto di ricerca nucleare Dubna, l’istituto di Ingegneria Fisica di Mosca e la sua succursale di Obninsk, le università di Kazan, l’Università di Stato Lomonosov di Mosca, l’università tecnica di San Pietroburgo. I centri cubani che prendono parte alla convenzione sono l’Agenzia di Applicazioni tecnologiche e Sviluppo nucleare, L’istituto di ricerca sugli isotopi, l’Istituto di Cibernetica Matematica e Fisica e l’Istituto superiore di Tecnologie e Scienze applicate dell’Università dell’Avana. 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.