Russia consegna S-400 alla Cina

Pubblicato il 1 maggio 2019 alle 6:30 in Cina Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Russia ha mandato alla Cina i nuovi razzi S-400 Triumf. Lo comunica una fonte militare diplomatica citata dai media russi. “A inizio aprile alcuni nuovi razzi S-400 sono stati mandati via mare in Cina per sostituire quelli danneggiati” – ha riferito la fonte. La Rosoboronexport, l’agenzia russa federale che si occupa dell’esportazione e dell’importazione delle armi russe, si è rifiutata di commentare queste informazioni.

Il 3 gennaio 2018 la nave che trasportava i missili Triumf era stata colpita da una tempesta mentre era diretta in Cina. Di conseguenza il carico di armi si era danneggiato e la consegna alle autorità militari cinesi non era stata portata a termine. I danni sono stati riconosciuti come coperti dalla polizza assicurativa, ma la Rosoboronexport è riuscita a ricevere solo 31,7 milioni di rubli (circa 43 mila euro), pari più o meno al 0,15% della somma coperta dall’assicurazione, secondo quanto riferiscono i media russi.

Secondo un’altra versione dei fatti il contratto di assicurazione tra la Rosoboronexport e la compagnia assicurativa Nezavisimaja Strachovaja Gruppa prevedeva che in caso di incidenti la compagna di assicurazioni avrebbe fornito un rimborso minimo e la rimanente parte dei danni provocati sarebbe stata pagata dall’azienda responsabile del trasporto, in questo caso la Baltic Transport di Pietroburgo.

Le autorità russe, mentre la disputa legale tra l’impresa, la compagnia di assicurazioni e l’azienda di trasporti è ancora in corso, hanno deciso di procedere comunque alla consegna del sistema missilistico alla Repubblica Popolare Cinese. Il gigante asiatico è infatti il primo acquirente straniero degli S-400 Triumf e per il complesso tecnologico e militare russo la mancata consegna rappresentava un grave danno di immagine.

La Cina ha ordinato due set di S-400, necessari per armare due reggimenti della contraerea. Il primo set è stato consegnato a maggio 2018. Al sistema di contraerea russo sono interessati numerosi paesi, tra questi India, Qatar e storici alleati degli Stati Uniti quali la Turchia e l’Arabia Saudita.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.