Kim Jong-un in Russia, incontrerà Putin a Vladivostok

Pubblicato il 24 aprile 2019 alle 9:27 in Corea del Nord Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il leader nordcoreano Kim Jong-un è arrivato in Russia. Alle prime ore del mattino di mercoledì 24 aprile, il treno blindato del leader della Corea del Nord ha attraversato il confine della Federazione russa e si è fermato alla stazione di Chasan, secondo quanto riferito all’agenzia di stampa russa RIA Novosti da una fonte dell’amministrazione del territorio di Primor’e. Kim Jong-un è stato accolto secondo la tradizione locale con il pane e il sale ed è entrato nell’edificio della stazione lungo il tappeto rosso.

Il governatore di Primor’e, Oleg Kožemjako, ha accolto Kim Jong-un e la delegazione che lo accompagna, di cui fanno parte il ministro degli Esteri della Corea del Nord Lee Yong-ho e il suo vice, Choi Son-He. Oltre al governatore di Primor’e, il leader della Corea del Nord ha incontrato il viceministro degli Esteri russo Igor Moruglov, l’ambasciatore russo a Pyongyang Aleksandr Matsegora e il ministro per lo sviluppo dell’Estremo Oriente e dell’Artico Aleksandr Kozlov. Kim Jong-un ha poi visitato la casa dell’amicizia russo-nordcoreana costruita alla frontiera tra i due paesi nel 1986.

“Sono felice di essere in terra russa” – ha dichiarato il leader nordcoreano incontrando le autorità russe alla frontiera, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa TASS. Il ministro della Federazione russa per lo sviluppo dell’Estremo Oriente e dell’Artico, Aleksandr Kozlov ha espresso la speranza che questa visita rimanga nella memoria di Kim Jong-un come “un ricordo caloroso”. Kim Jong-un ha risposto che “questa visita in Russia non è l’ultima” – secondo il messaggio ufficiale che le autorità nordcoreane hanno consegnato alla stampa russa. “Questo è solo il primo passo” – ha aggiunto.

La visita di Kim Jong-un è la prima del leader nordcoreano in Russia, dove domani, 25 aprile, incontrerà Vladimir Putin. L’incontro, secondo quanto comunicato dal Cremlino, si svolgerà sull’isola Russkij, a largo di Vladivostok, nell’edificio S dell’Università Federale dell’Estremo Oriente. I temi principali del vertice sono la risoluzione del problema nucleare della penisola coreana e le relazioni bilaterali.

Secondo gli analisti la visita rappresenta un’opportunità per la Corea del Nord di mostrare che ha alleati potenti dopo il fallimento dei colloqui sul nucleare con gli Stati Uniti. Il paese asiatico ha accusato il Segretario di Stato americano Mike Pompeo di essere responsabile del fallimento del vertice di Hanoi tra Kim Jong-un e Donald Trump lo scorso febbraio.

Il vertice con i russi è anche un’opportunità per Pyongyang per mostrare che il suo futuro economico non dipende esclusivamente dagli Stati Uniti.

Gli analisti ritengono, inoltre, che il vertice sia un’opportunità per la Russia di dimostrare di essere un attore importante nella penisola coreana. Mosca, che in passato ha partecipato alle trattative sul programma nucleare nordcoreano, è stata parzialmente emarginata dal negoziato diretto tra Washington e Pyongyang. 

Il presidente Putin e il ministro degli Esteri Lavrov hanno offerto ripetutamente la mediazione russa nei periodi di maggiore tensione nella penisola coreana. Il fallimento del vertice di Hanoi ha restituito alla Russia il suo ruolo di mediatore. Come Washington, infatti, Mosca è preoccupata per il programma nucleare nordcoreano e per le tensioni in Corea, al contempo, il Cremlino non vuole una penisola coreana, alle porte dell’Estremo Oriente russo, regione di fondamentale importanza per lo sviluppo del paese, sotto controllo USA. 

 

Jurij Ushakov, l’assistente di politica estera di Putin, commentando con la stampa la visita di Kim Jong-un a Vladivostok che la situazione nella penisola coreana si è “stabilizzata un po’ negli ultimi mesi e che la Russia intende contribuire in ogni modo a cementare questa tendenza positiva”.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e dall’inglese e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.