Mosca: Washington smetta di tormentare Caracas con sanzioni

Pubblicato il 28 marzo 2019 alle 6:10 in Russia USA e Canada Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

“Washington dovrebbe smettere di tormentare il popolo venezuelano con tutte queste sanzioni”. A dichiararlo nella giornata di ieri, mercoledì 27 marzo, la portavoce del ministero degli Esteri della Federazione Russa, Maria Zakharova, commentando le recenti dichiarazioni del consigliere USA per la sicurezza nazionale, John Bolton, sull’interferenza di potenze ostili in Occidente.

“Vorrei ricordare al consigliere Bolton che se un grande paese occidentale smettesse di tormentare il popolo venezuelano con le sue sanzioni e se il secondo paese orientale, insieme a un certo numero di istituti bancari internazionali, sbloccasse i miliardi di dollari venezuelani nei loro conti, allora il Venezuela sarebbe finalmente in grado di acquistare medicine e cibo senza gli aiuti umanitari della cara Washington”, ha dichiarato Zakharova sul suo profilo Facebook.

La portavoce del ministero degli Esteri russo ha poi aggiunto che “i costruttori collettivi di democrazia e difensori dello stato di diritto hanno rubato 30 miliardi di dollari a Caracas e continuano a imporre nuove sanzioni e poi distribuiscono aiuti umanitari. E’ paradossale”.

In precedenza, il consigliere americano per la sicurezza nazionale aveva affermato, in relazione alla situazione in Venezuela, che “Washington non tollerera l’intervento di potenze ostili in Occidente”, senza chiarire a chi si riferisse con questo appellativo.

Lo scorso 23 febbraio l’opposizione venezuelana guidata da Juan Guaidó ha cercato di distribuire aiuti umanitari alla popolazione. Il governo di Maduro, tuttavia, si è opposto ed ha impedito che gli aiuti entrassero nel Paese.

Maduro sostiene infatti che non vi sia alcuna crisi umanitaria in Venezuela e che “i tentativi di fornire assistenza umanitaria sono solo provocazioni da parte degli Stati Uniti”. Da parte sua, il presidente del Parlamento e leader dell’opposizione Juan Guaidó, autoproclamatosi presidente ad interim fino a nuove elezioni, ha affermato che continuerà a cercare di distribuire gli aiuti umanitari alla popolazione.

Washington, nel frattempo, continua a inasprire le sanzioni contro Caracas. Lo scorso 28 gennaio, gli Stati Uniti hanno infatti introdotto un nuovo pacchetto di sanzioni contro la compagnia petrolifera statale PDVSA, congelandone il patrimonio nella sua giurisdizione per un totale di 7 miliardi di dollari.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.