Il Re di Spagna in Argentina per rafforzare la cooperazione

Pubblicato il 24 marzo 2019 alle 6:10 in Argentina Spagna

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il re Felipe VI e la regina Letizia di Spagna arrivano oggi, 24 marzo, in Argentina in occasione di una visita di stato che fa il seguito al viaggio del presidente Mauricio Macri a Madrid a febbraio del 2017. 

L’agenda di impegni del monarca è incentrata a Buenos Aires per i primi due giorni. Martedì 26 poi, re Felipe si trasferirà nella città di Córdoba, dove il giorno dopo inaugurerà con il presidente argentino Mauricio Macri, il Congresso internazionale della lingua spagnola. La prima visita di stato di Felipe VI in Argentina arriva in un momento di recessione economica nel paese australe e nel tratto finale della legislatura di Macri, che il prossimo ottobre affronta un difficile appuntamento con le urne in cui cerca la rielezione. Secondo il Ministero degli Affari Esteri di Madrid, il cui titolare, Josep Borrell accompagnerà i Re, il viaggio “servirà a manifestare al più alto livello l’eccellenza e l’intensità delle relazioni bilaterali tra Spagna e Argentina” e “l’impegno a continuare ad approfondire e diversificare il rapporto in questione”.

Durante il soggiorno a Buenos Aires, il monarca e la regina Letizia saranno ricevuti dal presidente argentino e dalla first lady, Juliana Awada, presso la Casa Rosada, sede della presidenza e del potere esecutivo del paese. Per conto del governo il presidente Macri offrirà poi una cena di gala in onore del Re nel Centro Culturale Kirchner. Inoltre, è prevista la deposizione di una corona di fiori davanti alla statua del generale José de San Martín, eroe dell’indipendenza argentina. Il Re e la Regina visiteranno infine il Congresso nazionale, il parlamento argentino e parteciperanno a un forum e a un seminario d’affari con uomini d’affari spagnoli e argentini. La visita cercherà di riportare fiducia negli investitori e di rafforzare la collaborazione e i legami economici tra i due paesi, in un momento di riduzione degli investimenti dovuto alla crisi argentina, che ha raffreddato gli entusiasmi inizialmente suscitati dall’apertura ai mercati internazionali voluta da Macri dopo oltre un decennio di protezionismo.

La prima visita di un monarca spagnolo a Buenos Aires risale al 1978, quando i genitori dell’attuale monarca, Juan Carlos e Sofía, furono ricevuti dall’allora dittatore militare Jorge Rafael Videla. Da allora sono seguite numerose visite, tra cui quella del 1985, quando Juan Carlos e Sofía incontrarono il primo presidente democratico del paese, Raúl Alfonsín, e quella del 2004, quando re Juan Carlos inaugurò, assieme a Néstor Kirchner, un altro Congresso internazionale della lingua spagnola, a Rosario. 

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.