Mosca: possibile disconnessione da Internet a causa delle sanzioni

Pubblicato il 4 febbraio 2019 alle 6:00 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Duma di Stato ritiene che ciò possa avvenire nel quadro delle sanzioni anti-russe e delle crescenti tensioni nelle relazioni tra Russia e Occidente.

“Disconnettere la Russia da Internet è una delle possibili opzioni per aumentare la pressione occidentale sul nostro Paese”, ha dichiarato Leonid Levin, presidente del Comitato per le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione della Duma di Stato.

“Le crescenti tensioni internazionali e le ripetute dichiarazioni dell’Occidente sulla necessità di aumentare la pressione sul nostro Paese attraverso nuove sanzioni ci costringono a ideare ulteriori misure per proteggere la sovranità della Federazione Russa nel cyberspazio, specialmente considerando che una disconnessione della Russia dalla rete globale, per quanto possa sembrare irreale, è una delle possibili conseguenze dell’escalation delle tensioni tra il nostro Paese e l’Occidente”, ha affermato Levin la settimana scorsa al Forum sulla Sicurezza delle Informazioni.

“Come contromisura, il governo sta sviluppando un sistema nazionale di routing del traffico che dovrebbe fornire accesso alle risorse nazionali in assenza di accesso alla rete globale. Le aziende IT nazionali sono riuscite a muoversi in questa direzione, in modo tale che se necessario la Russia stessa possa iniziare da sola la disconnessione dalla rete globale”, ha proseguito Levin.

Secondo dati non ufficiali, un eventuale blocco dell’accesso a internet costerebbe alla Russia circa 307 milioni di dollari.

Molto probabilmente, nel tempo, il Paese si adatterebbe al blocco dei servizi digitali su larga scala. Tuttavia, nelle prime fasi questo avrebbe un grande impatto non solo a livello di uso personale, essendo internet uno strumento che ogni cittadino utilizza ormai giornalmente, ma influenzerebbe in modo significativo l’economia dell’intera Federazione.

A dicembre dello scorso anno, il deputato Andrej Lugovoy, così come i senatori Andrej Klishas e Lyudmila Bokova, hanno presentato alla Duma di Stato un progetto di legge volto a proteggere la fruibilità sostenibile di Internet in Russia in caso di minaccia del suo funzionamento su scala globale.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.