Felipe VI a Baghdad: è la prima volta di un Re di Spagna in 40 anni

Pubblicato il 1 febbraio 2019 alle 8:30 in Iraq Spagna

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il re di Spagna Felipe VI si è recato per una visita a sorpresa in Iraq, dove si è incontrato con il presidente Barham Salih ed ha visitato le truppe spagnole di stanza a Besmayah, pochi chilometri a sud di Baghdad. La visita del Re, accompagnato dal ministro della Difesa, Margarita Robles, è stata tenuta segreta per motivi di sicurezza fino all’arrivo del monarca a Baghdad.

La visita è stata coincidere con il compleanno del re, al fine di utilizzare la coincidenza per porre l’attenzione sulle missioni delle truppe spagnole all’estero. In Iraq sono stanziati cinquecento soldati spagnoli la cui missione, iniziata nel 2014, è l’addestramento e la formazione dei soldati iracheni. La Spagna, che ha ritirato le truppe dall’Iraq dopo l’elezione di José Luis Rodríguez Zapatero al governo nel 2004, si è unita nuovamente alla missione congiunta della NATO nel 2014, inviata nel paese per combattere l’ISIS.

Il Re è giunto a Besmayah, un’enclave militare situata 60 chilometri a sud est di Baghdad, dal palazzo presidenziale della capitale irachena, dove la mattina di mercoledì 29 gennaio si era tenuto una riunione con il presidente dell’Iraq, Barham Salih. Il monarca si è congratulato con Salih per la sua recente elezione e per i suoi sforzi per la democratizzazione del paese. Il presidente iracheno ha ringraziato il compito delle truppe spagnole nella formazione dell’esercito del paese.

Felipe VI ha incontrato anche il generale statunitense Paul Lacamera e il capo delle forze NATO di stanza in Iraq, il generale canadese David Fortin. 

Il re ha rivolto alcune parole a una rappresentanza del contingente spagnolo, per quella che ha definito la sua prima visita “da soldato, re e spagnolo in Iraq”. “Indossate sempre la bandiera sul braccio e sul cuore e vi riempia di orgoglio”. Fonti diplomatiche consultate dal quotidiano spagnolo El Mundo, hanno confermato che la visita di Felipe VI è stata possibile perché in Iraq “la sicurezza è migliorata”. Tuttavia, la segretezza, per garantire tale sicurezza, è stata totale, al punto che i soldati dislocati in Iraq hanno appreso della visita solo 48 ore prima”.

Circa 500 soldati spagnoli partecipano alla Coalizione Internazionale con l’obiettivo di addestrare e formare le forze di sicurezza irachene nella loro lotta contro l’ISIS, per una missione iniziata ormai da quattro anni. “Con il vostro lavoro contribuite alla sicurezza di tutti e alla pace nel mondo, siamo qui perché incide sulla sicurezza di tutti” – ha affermato Felipe VI.

L’ultima visita di un capo di stato spagnolo in Iraq risale al giugno 1978, quando il re Juan Carlos e la regina Sofia, genitori dell’attuale monarca, visitarono l’allora presidente Ahmed Assan al-Baqr provenienti dall’Iran. 

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.