Bangladesh denuncia banca filippina per maxi truffa informatica

Pubblicato il 30 gennaio 2019 alle 13:40 in Bangladesh Filippine

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Bangladesh presenterà una denuncia in un tribunale statunitense contro la banca filippina Rizal Commercial Banking Corp (RCBC), mercoledì 30 gennaio. La mossa nasce dal ruolo che la RCBC ha avuto in uno dei maggiori crimini informatici nella storia, secondo quanto dichiarato dal governatore della Banca Centrale del Bangladesh.

Il fatto è avvenuto a febbraio del 2016, quando i criminali, ancora sconosciuti, hanno utilizzato il sistema di pagamento SWIFT in ordini fraudolenti, per rubare $ 81 milioni dal conto della banca centrale del Bangladesh presso la Federal Reserve Bank di New York. Il denaro è stato inviato a conti aperti presso l’RCBC di Manila e poi svanito nell’industria dei casinò nelle Filippine.

Fazle Kabir, il governatore della Banca del Bangladesh, ha confermato che la causa sarà archiviata nella Corte distrettuale degli Stati Uniti, per il distretto meridionale di New York. Kabir, ai microfoni dei giornalisti, ha riferito che tutti i processi necessari sono stati completati e  che martedì sera è stato firmato un accordo martedì sera con la Fed Bank di New York affinché questa assista il Bangladesh nella gestione del caso

 La Rizal Commercial Banking Corp ha rigettato le accuse, avendo precedentemente affermato che il furto cibernetico era un lavoro interno e che la Banca del Bangladesh si stava impegnando ad insabbiare la verità, diffamandola. Mercoledì, il giorno stesso dell’annuncio della Banca del Bangladesh, l’RCBC ha reso noto in una dichiarazione di aver ingaggiato un importante studio legale di New York per gestire la sua difesa. La banca, secondo quanto scritto nel documento, è favorevole alla denuncia, in quanto “è un’opportunità per l’RCBC di ribadire nuovamente che è stata una vittima di ciò che è successo in Bangladesh da persone ancora senza nome”.

Questo mese un tribunale delle Filippine ha giudicato colpevole l’ex direttrice della filiale di RCBC, Maia Deguito, su otto capi di riciclaggio di denaro in relazione al furto e l’ha condannata a una pena detentiva da 32 fino a  56 anni. La Banca Centrale delle Filippine ha multato la RCBC di un record di 1 miliardo di pesos ( circa $ 20 milioni) nel 2016 per la sua incapacità di impedire i movimenti di denaro rubato. In più, un ex tesoriere di RCBC e altri 5 lavoratori della filiale in cui è stato prelevato il contante sono accusati di riciclaggio di denaro. Degli 81 milioni di dollari rubati, solo 15 milioni sono stati recuperati da un operatore di junket di Manila.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.