Venezuela: militari tentano golpe contro Maduro

Pubblicato il 22 gennaio 2019 alle 19:32 in Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un gruppo di soldati, almeno 40 sergenti della Guardia Nacional Bolivariana a Cotiza, a nord di Caracas, è insorto nella giornata di ieri contro il regime di Nicolás Maduro. Una rivolta che tuttavia è stata soffocata poche ore dopo dalle forze fedeli al regime.

I ribelli hanno inondato i social network fin dalle prime ore del mattino e, attraverso numerosi video, in particolare su twitter e instagram, hanno invitato i cittadini venezuelani a sollevarsi contro il regime.

Il Ministero della Difesa ha rilasciato una dichiarazione in cui ha riconosciuto la rivolta che ha avuto origine alle 02:50 del mattino: “Un piccolo gruppo di assalitori assegnati al 43esimo comando di zona della Guardia Nazionale Bolivariana […] ha preso d’assalto il distacco sede della sicurezza urbana situata in Petare (est di Caracas)”, si legge nel comunicato.

La dichiarazione del ministero aggiunge che “i criminali si sono subito arresi e sono stati arrestati e portati al quartier generale dell’Unità di sicurezza a Cotiza. Durante la detenzione è stato possibile recuperare le armi rubate. I ribelli verranno puniti secondo quanto previsto dalla legge”.

Da parte sua, il presidente dell’Assemblea nazionale (AN), Juan Guaidó, che ha lanciato un appello all’esercito per deporre l’”usurpatore” Maduro, ha scritto sul suo account Twitter: “Ciò che è successo nel comando della Guardia Nacional è un chiaro sintomo del sentimento generale di malcontento che regna all’interno della Fuerza Armada Nacional Bolivariana”.

Il presidente del Parlamento ha anche insistito sulla difesa di tutti coloro che lottano per ripristinare la democrazia nel paese sudamericano. “I nostri militari sanno che il nostro presidente è un usurpatore e non ne vogliono riconoscere l’autorità”, ha affermato Guaidó.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.