Egitto: tribunale condanna 65 sospetti militanti dell’ISIS

Pubblicato il 10 novembre 2018 alle 9:11 in Africa Egitto

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un tribunale egiziano ha condannato 65 persone sospettate di essere militanti di un gruppo dell’ISIS con pene che vanno dai 5 anni di reclusione fino all’ergastolo. L’accusa era di aver creato una cellula terroristica nel Paese.

Giovedì 8 novembre, il tribunale egiziano ha condannato 18 persone all’ergastolo e altre 41 a scontare 15 anni in carcere. Inoltre, 6 minori dovranno rimanere in prigione per 5 anni ciascuno, mentre 2 sospettati sono stati rilasciati. I condannati non potranno ricorrere in appello. Dei 65 accusati, solamente 43 sono nelle mani delle forze dell’ordine, mentre le restanti persone, fra le quali due donne, sono latitanti. Il pubblico ministero ha dichiarato che il gruppo era operativo in 6 province e che i suoi membri avevano ricevuto un addestramento sull’uso di armi da fuoco ed esplosivi.

Il ramo egiziano dell’ISIS sta portando avanti una insurrezione nel Sinai del Nord e ha eseguito diversi attacchi nel Paese. Dal 9 febbraio, l’esercito egiziano ha avviato l’operazione Comprehensive Operation – Sinai 2018, con l’obiettivo di abbattere i ribelli islamisti insieme a tutte le altre attività criminali che mettono in pericolo la sicurezza e la stabilità del Paese. Nonostante il presidente dell’Egitto, Abdel Fattah al-Sisi, avesse promesso che l’operazione “si sarebbe conclusa il prima possibile”, gli scontri continuano a verificarsi. Tuttavia, le iniziative stanno avendo successo, permettendo di distruggere grandi quantità di infrastrutture e materiale militare appartenenti ai terroristi.

Le stime ufficiali del governo del Cairo, aggiornate ad ottobre, indicano che, dall’inizio del 2018, sono stati eliminati più di 450 militanti islamisti, mentre almeno 35 soldati egiziani sono morti nel corso dei raid. I militari egiziani sono stati accusati di aver perpetrato una serie di violazioni dei diritti umani nel Sinai, inclusa l’uccisione e la tortura di civili.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Chiara Romano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.