Giordania: riapre dopo 3 anni il confine con la Siria

Pubblicato il 15 ottobre 2018 alle 6:00 in Giordania Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il valico di frontiera tra la Giordania e la Siria riaprirà in data lunedì 15 ottobre, dopo essere rimasto chiuso per 3 anni, hanno reso noto i due Paesi, domenica 14 ottobre, dopo settimane di trattative.

Nella giornata di domenica 15 ottobre, la portavoce governativa della Giordania, Jumana Ghunaimat, ha reso noto che i team tecnici dei due Paesi in questione si sono inIl valico di frontiera tra la Giordania e la Siria riaprirà in data lunedì 15 ottobre, dopo essere rimasto chiuso per 3 anni, hanno reso noto i due Paesi, domenica 14 ottobre, dopo settimane di trattative.contrati sul territorio giordano e hanno infine preso gli ultimi accordi definitivi per quanto riguarda la riapertura della frontiera, che entrerà in vigore già l’indomani, lunedì 15 ottobre.

Tuttavia, sebbene il valico di frontiera riaprirà lunedì, non sarà ancora aperto al normale traffico, ha affermato Nael Husami, presidente della Camera dell’Industria di Amman. La televisione statale siriana ha inoltre citato il ministro dell’Interno, Mohammed al-Shaar, il quale ha affermato che al momento stanno venendo rinnovate sia le strade che conducono al valico sia il valico stesso.

L’unico altro confine al momento valicabile e aperto della Siria è quello con il Libano. La frontiera con la Turchia è aperta solo nelle aree che sono in mano ai ribelli, ossia i dissidenti contrari al regime del presidente siriano, Bashar al-Assad. Per quanto riguarda il valico tra la Siria e l’Iraq, esso viene attraversato al momento solo per usi strettamente militari o governativi.

Il governo siriano ha ripreso possesso delle aree intorno al confine di Naseeb nel mese di luglio 2018, dopo un’offensiva durata svariate settimane e appoggiata militarmente dalla Russia, alleato principale di Damasco insieme all’Iran, e mirata a spingere i ribelli fuori dall’enclave dove si nascondevano, nella regione sud-occidentale del Paese.

Qualche giorno prima, venerdì 12 ottobre, Israele, la Siria e le Nazioni Unite si erano accordate per riaprire, sempre di lunedì 15 ottobre, l’attraversamento di Quneitra nelle alture del Golan, secondo quanto riportato dall’ambasciatrice statunitense presso l’ONU, Nikki Haley. La funzionaria ha rilasciato una dichiarazione dove comunica che l’apertura del passaggio permetterà ai mediatori delle Nazioni Unite di aumentare le attività di prevenzione delle ostilità nella regione. Tuttavia, non sono ancora pervenute conferme ufficiali della sua riapertura da parte di Israele, Siria o Russia, che è il maggior alleato del presidente siriano, Bashar al-Assad.

La guerra in Siria è iniziata nel marzo del 2011. Entrato attualmente nel suo ottavo anno, il conflitto siriano ha causato circa 465.000 vittime, oltre che un milione di feriti, e ha costretto circa 12 milioni di persone, corrispondenti alla metà della popolazione siriana prima della guerra, ad abbandonare le proprie abitazioni.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.