Indigeni brasiliani sequestrano funzionari del governo

Pubblicato il 18 settembre 2018 alle 19:43 in Brasile

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un gruppo indigeno di etnia Yanomami dello stato brasiliano di Roraima, nel nord del paese, ha sequestrato diversi funzionari del governo e i loro aerei come forma di protesta, a seguito della morte di due bambini negli ultimi 10 giorni a causa della mancanza di cure mediche.

Il coordinatore della Segreteria Speciale per la Salute degli Indigeni del governo di Roraima, Gerson Francisco De Souza, ha dichiarato che da domenica scorsa “più di cinque funzionari e tre aerei rimangono sequestrati nella regione Surucucu“, nella regione di Alto Alegre.

Nessuno dei funzionari ha subito aggressioni e il clima non è violento, sebbene le informazioni siano ancora scarse, ha affermato De Souza.

Il canale di informazione G1 aveva dichiarato in precedenza che un totale di 15 comunità yanomami si sono unite alle proteste a seguito della morte di due bambini a causa della mancanza di servizi sanitari nella regione.

I villaggi più isolati, che ricevono assistenza medica unicamente tramite elicotteri, sono rimasti sprovvisti di cure mediche e servizi sanitari per ben tre mesi, secondo quanto riferito dai rappresentanti di alcune comunità indigene locali.

Gli Yanomami hanno inoltre riferito che negli ultimi mesi è stato registrato un aumento esponenziale dei casi di malaria e che il responsabile locale della fornitura di servizi sanitari non soddisfa le richieste della popolazione.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal portoghese e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.