Russia: al via le manovre militari più grandi dai tempi sovietici

Pubblicato il 12 settembre 2018 alle 15:00 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Quasi 300.000 soldati, 36.000 tra carri armati, blindati e altri veicoli, oltre 1.000 elicotteri, aerei e droni hanno iniziato martedì 11 settembre le manovre militari Vostok-2018, che saranno le più grandi della storia della Federazione russa.

Per ritrovare cifre simili, bisogna risalire alle esercitazioni militari Zapad-1981, ma all’epoca il paese era l’Unione Sovietica, esisteva ancora il Patto di Varsavia e alla guida del Cremlino c’era l’anziano Leonid Brezhnev. 

Sono in qualche maniera simili alle esercitazioni Zapad 81, ma in un certo senso, anche più grandi. Più di un migliaio di aerei, quasi 300.000 soldati, quasi tutte i poligoni del distretto centrale e orientale, e, naturalmente, la flotta del Pacifico, la flotta del Nord e le Forze Aviotrasportate” – aveva dichiarato il ministro della difesa Sergej Shoigu annunciando le manovre militari il 20 agosto scorso.

Le manovre si svolgono nell’estremo oriente russo, e vedono per la prima volta la partecipazione di un contingente cinese di 3200 uomini e diversi mezzi, a simboleggiare la vicinanza tra Pechino e Mosca. Anche una divisione dell’esercito mongolo prenderà parte ad una delle fasi delle manovre.

Queste esercitazioni militari consentono di “aumentare il livello di abilità delle truppe di terra, di mare e dell’aria, e sono utili per testare le prestazioni di gruppi situati nella parte orientale del paese e nei principali distretti navali dal punto di vista operativo” – ha dichiarato il ministro Difesa, Sergej Shoigu. 

Il 6 settembre scorso, il capo di stato maggiore, il generale Valeryj Gerasimov, assieme ad altri alti ufficiali delle forze armate della Russia, ha preso parte a un briefing sulla Vostok-2018, finalizzato a presentare le esercitazioni miltiari a tutti gli addetti militari stranieri accreditati a Mosca, tra cui i rappresentanti della NATO, oltre che alla stampa.

Le truppe mobilitate rappresentano circa un terzo del personale militare delle forze armate russe.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.