La Turchia aprirà un’ambasciata in Paraguay

Pubblicato il 8 settembre 2018 alle 6:01 in Paraguay Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Turchia aprirà un’ambasciata ad Asuncion, in Paraguay, dimostrando in tal modo, secondo il ministro degli Esteri paraguaiano, Luis Castiglioni, che Ankara sostiene la posizione del Paese sudamericano su Israele. Attualmente, la Turchia ha due consolati in Paraguay, uno a Ciudad del Este e l’altro nella capitale Asuncion, ma non un’ambasciata. L’ambasciatore turco in Paraguay, pertanto, opera dalla capitale argentina, Buenos Aires. La decisione del Paese mediorientale di aprire un’ambasciata nella capitale paraguaiana arriva dopo che, il 5 settembre, il governo di Asuncion, guidato dal mese di agosto dal presidente Mario Abdo Benitez, ha deciso di trasferire la sede della sua missione diplomatica in Israele da Gerusalemme a Tel Aviv, invertendo in tal modo la decisione della precedente amministrazione paraguaiana e suscitando la reazione del primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, che poco dopo ha annunciato la chiusura dell’ambasciata ad Asuncion. Castiglioni ha affermato che il Paese sudamericano considera la decisione di Netanyahu “frettolosa e sproporzionata” e si augura, pertanto, che le autorità israeliane la riconsiderino.

Il 21 maggio, il Paraguay, guidato all’epoca dal presidente Horacio Cartes, aveva inaugurato la propria ambasciata a Gerusalemme, dopo che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, l’aveva riconosciuta come capitale di Israele alla fine del 2017, inducendo anche il Guatemala a trasferire la sede della propria missione diplomatica in tale città. L’intervento di Trump ha sorpreso la comunità internazionale all’interno della quale, fino ad allora, sussisteva un ampio consenso circa l’opportunità di stabilire le sedi delle rappresentanze diplomatiche a Tel Aviv, piuttosto che a Gerusalemme su cui, secondo molti Paesi, Israele non esercita una sovranità piena dal momento che lo status di tale città dovrebbe essere stabilito nell’ambito di colloqui di pace.

La decisone di Ankara di aprire un’ambasciata in Paraguay, pertanto, si inquadra nel contesto dei rapporti tra la Turchia e Israele, che non sono semplici. Nel 2010, Ankara ha rotto i legami diplomatici con Israele, in seguito all’uccisione da parte dei commando israeliani di 10 attivisti turchi pro-palestinesi, imbarcatisi su una flottiglia di proprietà turca nel tentativo di consegnare aiuti, violando così il blocco marittimo israeliano della Striscia di Gaza. Le relazioni tra Israele e Turchia sono state ripristinate nel 2016, per aggravarsi nuovamente nel maggio di quest’anno, quando entrambi i Paesi hanno ritirato rispettivamente i loro diplomatici a causa della disputa sull’uccisione, da parte delle forze di sicurezza israeliane, dei palestinesi che protestavano in massa nella striscia di Gaza a causa del trasferimento dell’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme, il 14 maggio.

I rapporti si sono aggravati di recente, quando il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha condannato Israele, descrivendolo come “lo Stato più sionista, più fascista e più razzista” del mondo, con riferimento alla legge approvata il 19 luglio dalla Knesset, il parlamento israeliano, che definisce Israele lo Stato nazionale del popolo ebraico. La legge stabilisce altresì che il popolo ebraico, avendo in Israele la sua patria storica, ha un diritto esclusivo all’autodeterminazione. Da parte sua, Netanyahu ha accusato il leader di Ankara di ipocrisia nel suo attaccare la legge israeliana mentre “compie massacri in Siria e fra i curdi e chiude in carcere decine di migliaia di suoi cittadini”.

Secondo quanto riferito da Castiglioni, un incontro tra il ministro degli Esteri paraguaiano e il suo omologo turco, Mevlut Cavusoglu, dovrebbe essere imminente. In particolare, i due ministri dovrebbero incontrarsi questo mese all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York. Intanto, i due hanno avuto una conversazione telefonica il 7 settembre, durante la quale Cavusoglu ha ringraziato il governo paraguaiano di aver trasferito nuovamente la sua ambasciata a Tel Aviv. “La decisione del Paraguay costituirà un esempio per gli altri Paesi”, ha concluso il ministro turco.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Roberta Costanzo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.