Somalia: molteplici attacchi di al-Shabaab a Mogadiscio

Pubblicato il 5 settembre 2018 alle 19:15 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Militanti di al-Shabaab hanno ucciso 6 persone, tra cui almeno 4 soldati, nelle strade di Mogadiscio, martedì 4 settembre.

Secondo quanto riportato da Reuters, i terroristi, a bordo di un veicolo, si sono affiancati a una jeep militare che stava trasportando alcuni soldati nel distretto di Karan, aprendo il fuoco. La polizia ha riportato di aver sentito i gli spari e di essere accorsa sul luogo, ma i militanti erano già fuggiti. Poco dopo, 2 persone sono state uccise nel distretto di Wardigley, nel cuore di Mogadiscio, in un secondo attacco, rivendicato da al-Shabaab. Un comunicato dei terroristi rende noto che le vittime erano un ufficiale e la sua guardia del corpo e, inoltre, il portavoce dell’organizzazione somala, Abdiasis Abu Musab, ha reso noto che i militanti avevano posizionato un’autobomba, la cui esplosione ha ferito gravemente un dipendente del Ministero delle Finanze.

Nel frattempo, il 3 settembre, i terroristi avevano rapito 62 anziani nello Stato semi-autonomo di Galgadud, perché i leader dei clan locali si erano rifiutati di pagare per la morte di 5 componenti di un altro clan. “Non vogliamo che i due clan combattino di nuovo”, ha motivato il governatore di al-Shabaab di Galgadud. Ad avviso del presidente dello Stato semiautonomo, Ahmed Daule Gele Haaf, i militanti hanno rapito gli anziani per destabilizzare la regione. “Li uccideranno o li obbligheranno a creare il caos”, ha specificato il presidente, accusando il governo di Mogadiscio di non fornire abbastanza soldati per proteggere la regione.

Dal 1991, la Somalia è costantemente scossa da violenze e scontri. Al-Shabaab, in arabo “la gioventù”, è un’organizzazione jihadista fondata nel 2006 e affiliata ad al-Qaeda, che mira a rovesciare il governo di Mogadiscio, appoggiato dall’Onu, per prendere il potere e imporre la propria visione della legge islamica, la sharia. In seguito al ritiro del 1994, le truppe americane sono tornate a operare in Somalia nel gennaio 2007. Il Country Report on Terrorism 2016 del governo americano ha inserito la Somalia al primo posto tra i Paesi considerati “safe heavens” (rifugio sicuro) del terrorismo in Africa. L’attacco più mortale compiuto da al-Shabaab in Somalia si è verificato il 14 ottobre 2017, a Mogadiscio, dove l’esplosione di autobombe ha ucciso più di 500 persone.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.