USA propongono confederazione Israele-Giordania-Palestina, Abbas è interessato

Pubblicato il 3 settembre 2018 alle 6:01 in Giordania Palestina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente dell’Autorità Palestinese, Mahmoud Abbas, ha dichiarato di essere interessato alla creazione di una confederazione tripartitica che includa Giordania e Israele, allontanandosi dall’idea di una soluzione a due Stati nell’area.

Domenica 2 settembre, una delegazione del gruppo di attivisti israeliani Peace Now, insieme a due parlamentari di Israele, ha incontrato Abbas a Ramallah. Il leader ha dichiarato che, di recente, due funzionari amministrativi senior statunitensi, Jared Kushner e Jason Greenblatt, a lavoro sul piano di pace per il Medio Oriente, gli hanno chiesto la sua opinione riguardo alla creazione di una confederazione con la Giordania. Abbas si è detto d’accordo, a patto che anche Tel Aviv sia d’accordo.

Alcuni israeliani, che si sono opposti all’esistenza di uno Stato palestinese indipendente, hanno tuttavia più volte suggerito la creazione di una sorta di confederazione, con o senza la Giordania, poiché in questo modo non si garantirebbe la piena condizione di Stato alla Palestina. Inoltre, così facendo, Israele potrebbe evitare di prendersi la responsabilità per i circa 3,5 milioni di palestinesi che si trovano in Cisgiordania.

Durante l’incontro, Abbas ha altresì criticato gli Stati Uniti per aver “completamente distrutto” l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA). Venerdì 31 agosto, infatti, Washington aveva deciso di sospendere definitivamente il sovvenzionamento destinato all’agenzia dell’Onu, che garantisce lo status di rifugiati a tutti i discendenti dei palestinesi che hanno lasciato o sono fuggiti da Israele quando fu stabilito lo Stato, nel 1948.

L’ufficio del premier e il Ministero degli Esteri israeliani hanno entrambi declinato i commenti sulle dichiarazioni di Abbas, così come l’amministrazione statunitense. La Giordania, invece, domenica 2 settembre, ha respinto la proposta di far parte della confederazione suggerita dall’amministrazione statunitense. Il portavoce del governo di Amman ha dichiarato che la posizione del Paese sulla problematica palestinese non è negoziabile; tale visione include la soluzione a due Stati e lo stabilimento dello Stato di Palestina all’interno dei confini delineati nel 1967.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Chiara Romano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.