Cina: 14,7 miliardi di dollari in investimenti al Sudafrica

Pubblicato il 25 luglio 2018 alle 19:00 in Cina Sudafrica

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente cinese Xi Jinping ha promesso 14,7 miliardi di dollari in investimenti al Sudafrica, durante la visita di stato avvenuta il 24 luglio.

Secondo l’agenzia di stampa Reuters, gli investimenti cinesi arrivano in un momento in cui il presidente sudafricano, Cyril Ramaphosa, sta cercando di rilanciare la crescita economica del Paese, dopo un decennio di stagnazione. Il valore della moneta locale è salito di oltre l’1% dopo che Ramaphosa ha annunciato l’impegno della Cina. Tale aumento tiene già conto delle promesse di altre economie straniere, come Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, a investire un totale di 35 miliardi di dollari in Sud Africa. 

Gli investimenti contribuiranno ad alleviare le preoccupazioni sulla condizione dell’economia sudafricana, che ha registrato risultati mediocri, nonostante l’ottimismo degli investitori quando Ramaphosa ha sostituito Jacob Zuma, nel mese di febbraio, a seguito di alcuni scandali. “Abbiamo convenuto che dobbiamo lavorare come partner per migliorare la vita dei nostri popoli, aumentando i nostri legami commerciali”, ha dichiarato Ramaphosa in una conferenza stampa congiunta con Xi.

Da parte sua, Xi Jinping ha affermato che la Cina prenderà “misure attive” per aumentare le importazioni dal Paese, che ha definito l’economia più industrializzata dell’Africa. Ramaphosa ospiterà Xi e i leader di Brasile, Russia e India nel decimo vertice del gruppo delle economie emergenti BRICS, che si terrà a Johannesburg, alla fine di questa settimana. Secondo Reuters, tale incontro ha come fine la ricerca di ulteriori impegni di investimento. Un altro accordo firmato martedì 24 luglio riguarda un prestito da parte delle banche cinesi, per un totale di 2,8 miliardi di dollari alla centrale elettrica statale sudafricana Eskom e alla compagnia logistica Transnet.

Ramaphosa si è speso molto per la rivitalizzazione di Eskom. La società  aveva ricevuto un’iniezione di liquidità da 2,5 miliardi di dollari dalla China Development Bank e aveva riportato una perdita di 171 milioni di dollari, l’anno scorso. Transnet, una delle poche aziende statali accusate di irregolarità nell’assegnazione di contratti statali, sotto l’ex presidente Jacob Zuma, ha ricevuto 300 milioni di dollari dalla Banca industriale e commerciale della Cina. Il ministro del Commercio e dell’Industria sudafricano, Rob Davies, ha dichiarato che altri investimenti previsti dalla Cina includono un’espansione delle attività locali della società elettronica Hisense e la costruzione di un complesso metallurgico nella provincia di Limpopo. “Stiamo cercando di promuovere un commercio che parta dagli investimenti”, ha affermato Davies. “Lo stesso è quello che stiamo cercando dai nostri partner BRICS. Più investimenti e meno spinte dirette dei prodotti verso un mercato”, ha aggiunto.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.