Nicaragua: Ortega rifituta di anticipare le elezioni

Pubblicato il 24 luglio 2018 alle 15:00 in America Latina America centrale e Caraibi

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente del Nicaragua Daniel Ortega ha annunciato che non anticiperà le elezioni previste per il 2021 per uscire dalla crisi ed ha accusato i partiti politici di essere dietro le bande paramilitari che terrorizzano il paese dallo scorso aprile.

Secondo il leader sandinista, il governo non reprime i manifestanti che protestano dal 18 aprile contro il suo regime, i vescovi e i religiosi non sono stati attaccati da forse filosandiniste. Una “normalizzazione” è in corso nel paese nel bel mezzo delle proteste e la violenza che regna sulle strade è opera di paramilitari non controllati dall’esecutivo ma da partiti politici dell’opposizione. Infine, ha dichiarato Ortega, non vi sarà alcun anticipo delle elezioni presidenziali nonostante la pressione da parte dell’opposizione e delle organizzazioni internazionali: “Il nostro periodo elettorale si conclude con le elezioni del 2021”.

Nello stesso giorno in cui gli studenti sono nuovamente scesi in piazza a Managua per commemorare gli oltre 100 studenti che hanno perso la vita nelle manifestazioni che scuotono il Nicaragua da oltre tre mesi, il presidente Ortega ha assicurato che da ormai una settimana la situazione si sta normalizzando. Ha aggiunto che tutto è iniziato con l’approvazione “essenziale” della riforma della sicurezza sociale. “Prima c’erano piccoli gruppi che hanno protestato, ma poi ci sono stati i manifestanti violenti e gruppi paramilitari, che hanno precipitato il paese nella situazione insostenibile in cui si trova, e che hanno causato più di 350 morti. Si tratta di vero terrorismo”.

Ortega ha accusato la chiesa cattolica di aver fomentato la rivolta. “Ho pensato fossero veri mediatori – ha affermato – che avevano a cuore l’interesse del paese, ma non era vero, erano golpisti, schierati in tutto e per tutto dalla parte dei golpisti”.

“Siamo un paese piccolo – ha concluso Ortega rivolto al presidente statunitense Donald Trump – ma meritiamo rispetto”.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.