Vietnam: condannati 10 manifestanti per “disordine pubblico”

Pubblicato il 23 luglio 2018 alle 18:55 in Asia Vietnam

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un tribunale del Vietnam ha confermato, lunedì 23 luglio, l’arresto di 10 persone per un periodo compreso tra 1 e 3 anni a seguito della loro partecipazione alle proteste nazionali contro lo sviluppo delle nuove zone economiche, scoppiate nel mese di giugno.

Nonostante le radicali riforme, Repubblica Socialista del Vietnam non dimostra tolleranza nei confronti del dissenso politico. Gli arresti dei dissidenti sono avvenute in occasione delle proteste scatenate dai timori che gli investitori cinesi i Vietnam imponessero contratti di locazione di terreni fino a 99 anni ai proprietari locali, per sostenere lo sviluppo delle zone economiche. La radio ufficiale del Paese, la Voce del Vietnam, ha dichiarato che un tribunale popolare nella provincia centrale di Binh Thuan ha condannato i colpevoli, di età compresa tra i 18 e i 43 anni, di “aver causato disordine pubblico”.

Secondo l’accusa, gli individui sono stati visti lanciare mattoni e pietre alla polizia, oltre ad aver danneggiato diversi veicoli della polizia e causato ingorghi, specialmente durante la protesta del 10 giugno. Gli avvocati dei 10 individui non sono stati disposti a rilasciare un commento. La condanna del 23 luglio è arrivata giorni dopo che un tribunale di Ho Chi Minh City aveva ordinato il rilascio e la deportazione di un uomo americano di origine vietnamita, accusato anche questo di aver causato disordine pubblico. William Anh Nguyen, 32 anni, arrestato durante una protesta nel centro economico del Vietnam, è stato sotto custodia della polizia fino alla sua liberazione. La polizia ha arrestato dozzine di persone durante le proteste di giugno, che hanno agitato diverse città e sono diventate violente a Binh Thuan. Un tribunale della provincia questo mese ha arrestato sei manifestanti che si sono scontrati con la polizia e che rischiano la detenzione per periodi che vanno da 1 a 2 anni.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.