Corea del Sud: presidente visiterà Singapore

Pubblicato il 2 luglio 2018 alle 20:00 in Corea del Sud Singapore

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-In, si recherà in visita a Singapore dall’11 al 13 luglio per delineare la propria visione in merito alla realizzazione della pace permanente nella penisola coreana. Durante la visita, il presidente Moon incontrerà il presidente di Singapore, Halimah Yacob, e il primo ministro, Lee Hsien Loong.

“In occasione dell’incontro formale tra i due leader, il presidente Moon discuterà dei risultati raggiunti fino ad ora grazie alla cooperazione tra i due Stati e presenterà delle soluzioni in merito all’approfondimento futuro della collaborazione tra i due Paesi”, ha dichiarato un portavoce della Blue House.

La visita del presidente Moon seguirà a distanza di circa un mese lo storico incontro avvenuto il 12 giugno sull’isola di Sentosa tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un.

Al termine del summit i due leader avevano firmato un documento in cui si affermava che “il presidente Donald Trump e il presidente Kim Jong Un hanno avuto uno scambio di opinioni completo, profondo e sincero sulle questioni legate all’instaurazione di nuove relazioni fra Stati Uniti e Corea del Nord e alla costruzione di un regime di pace duraturo e solido sulla penisola coreana. Trump si è impegnato a fornire garanzie di sicurezza alla Corea del Nord e Kim Jong Un ha riaffermato il suo impegno saldo e risoluto alla completa denuclearizzazione della penisola coreana”.

I rapporti tra Corea del Nord e Corea del Sud sembrano indirizzati verso la strada della pacificazione definitiva della penisola, come annunciato al termine del primo incontro formale avvenuto il 27 aprile nel villaggio di confine di Panmunjom. I due Stati, dopo aver combattuto la guerra di Corea tra il’50 e il’53, non avevano mai ratificato un formale trattato di pace ma solo un armistizio per porre fine allo scontro militare.

“Abbiamo deciso di lavorare per stabilire un regime di pace che sia forte e permanente. Dal momento che i nostri Paesi da soli non possono porre fine formalmente alla guerra di Corea, abbiamo concordato di avviare un dialogo trilaterale o quadrilaterale che veda il coinvolgimento degli Stati Uniti e della Cina”, aveva dichiarato il presidente sudcoreano Moon.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.