Afghanistan: necessità di maggiori indagini sugli attacchi aerei

Pubblicato il 19 maggio 2018 alle 6:10 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Human Rights Watch ha dichiarato che il governo di Kabul e il governo di Washington devono compiere ulteriori indagini in merito alle conseguenze sui civili delle incursioni aeree condotte dalle rispettive forze militari in Afghanistan.

“Le forze militari americane e afghane hanno l’obbligo di effettuare indagini approfondite su possibili violazioni della legge di guerra nel momento in cui le incursioni aeree condotte feriscono o causano il decesso di civili”, ha riferito Patricia Grossman, ricercatrice in Afghanistan per Human Rights Watch.

A seguito delle interviste condotte tra novembre 2017 e aprile 2018, Human Rights Watch ha scoperto che il governo di Kabul ha sviluppato scarse capacità di investigazione in merito ai decessi di civili a seguito di operazioni condotte dalle proprie forze militari. Le forze americane presenti nel Paese, invece, avrebbero ridimensionato i loro meccanismi di monitoraggio e non condurrebbero indagini sul campo.

In un report dell’United Nations Assistance Mission in Afghanistan (UNAMA), viene dimostrato lo stretto legame tra l’aumento delle morti di civili e l’aumento delle incursioni aeree da parte delle forze afghane e statunitensi. Secondo quanto analizzato dall’UNAMA, inoltre, i decessi di civili a seguito di incursioni aeree rappresentano il 6% dei decessi totali di civili nel conflitto afghano.

“Affinchè queste tragedie abbiano fine, il governo di Kabul e il governo di Washington devono compiere ulteriori passi nell’investigazione degli incidenti e prendere nota di quanto accaduto. Infine, è necessario che i responsabili dei decessi dei civili ricevano un’adeguata punizione”, ha sottolineato la ricercatrice Grossman.

Le principali incursioni aeree degli ultimi due anni hanno avuto come obiettivo sia le postazioni talebane sia quelle dei militanti dello Stato Islamico in Afghanistan. Questi due gruppi rappresentano la principale minaccia alla stabilizzazione del Paese.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.