La Russia apre i suoi mercati ai paesi dell’Organizzazione per la cooperazione islamica

Pubblicato il 11 maggio 2018 alle 16:22 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Russia è pronta a supportare l’ingresso dei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione islamica sul suo mercato interno. Per raggiungere quest’obiettivo sono state create tutte le condizioni, ha assicurato il vice-ministro dell’industria e del commercio della Federazione russa Georgy Kalamanov, riporta l’agenzia di stampa TASS.

“Per invitare i nostri partner in Russia, ne sono convinto, abbiamo creato ora tutte le condizioni possibili. Noi, naturalmente, stiamo continuando a lavorare, ma le condizioni sono state create. Quindi siamo tutti in attesa, lo stato è pronto a fornire supporto a tutte le aziende che vengono in Russia” – ha affermato l’alto funzionario russo in occasione della sessione plenaria del vertice  “Russia — mondo islamico: KazanSummit”.

Il vice ministro dell’industria e del commercio ha sottolineato che il commercio russo con i paesi dell’Organizzazione per la cooperazione islamica ammonta a circa 75 miliardi di dollari, le esportazioni sono valutate attorno a 58 miliardi di dollari, le importazioni 17 miliardi.  Secondo Kalamanov i principali partner commerciali della Russia nel mondo islamico sono la Turchia, il Kazakistan, l’Iran e l’Egitto.

“Considerate le diverse istituzioni politiche e finanziarie esiste un sistema a sostegno dell’esportazione. Pertanto, siamo sempre pronti a sostenere l’esportazione della produzione all’estero, ma anche a supportare i colleghi per gli investimenti nella Federazione russa” – ha aggiunto il vice ministro, che ha anche osservato un trend positivo nella fornitura di prodotti ai paesi dell’Organizzazione e lo stesso fenomeno in direzione opposta. “Speriamo di mantenerlo in futuro” – ha sottolineato.

Il vertice internazionale tra la Russia e i paesi dell’Organizzazione per la cooperazione islamica “KazanSummit” è giunto alla sua decima edizione, si svolge infatti a Kazan sin dal 2009. Lo scopo del forum è quello di rafforzare i rapporti economico-commerciali, tecnico-scientifici, sociali e culturali tra la Russia e i paesi dell’Organizzazione di cooperazione islamica. Quest’anno il KazanSummit si svolge dal 10 al 12 maggio nella capitale tatara e vi partecipano circa 3000 persone in rappresentanza di organizzazioni internazionali, governi, istituzioni finanziarie, ambasciate, dei parlamenti, delle imprese provenienti da oltre 50 paesi.

L’Organizzazione della Cooperazione Islamica (OIC) è la seconda più grande organizzazione intergovernativa dopo le Nazioni Unite, riunisce 57 stati di quattro continenti. La Russia partecipa ad alcuni lavori della OIC in qualità di osservatore. Secondo l’ultimo censimento in Russia 14,5 milioni di persone (il 10% della popolazione) è di religione islamica.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.