Italia: ordigno esplode davanti a sede UniCredit

Pubblicato il 10 aprile 2018 alle 17:26 in Europa Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un ordigno rudimentale è esploso di fronte a una delle sedi della banca UniCredit, che si trova a Bologna, in via della Barca. Al momento, l’attacco, che ha causato lievi danni all’edificio, ma nessuna vittima, non è ancora stato rivendicato.

L’esplosione si è verificata verso le 4:00 di martedì 10 aprile. Secondo la prima ricostruzione dell’accaduto, fornita dall’agenzia stampa ANSA, gli aggressori avrebbero “piazzato 4 bombolette di gas da campeggio, avvolte con stoffa imbevuta di liquido infiammabile” e gli avrebbero dato fuoco prima di fuggire. Soltanto una degli ordigni rudimentali sarebbe esploso, causando danni a una vetrata della filiale. Sul muro di fronte alla banca sarebbe stata tracciata una scritta nera che recita “Erdogan boia”.

Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa, la scritta sarebbe legata a presunti rapporti finanziari tra la banca e il governo turco, che sarebbero stati già al centro di proteste da parte di alcuni gruppi contrari.

L’Italia è il quarto partner commerciale della Turchia in Europa e Ankara riveste un ruolo di primo piano per l’economia italiana. In merito al settore bancario, UniCredit è entrata nel mercato turco nel 2001, quando ha stretto una joint venture con la banca Koç Financial Services. Nel 2006, tale istituto di credito si era unito con la banca Yapı Kredi, diventando una delle principali quattro banche private turche. Oltre all’UniCredit, in Turchia sono presenti filiali dei gruppi Monte dei Paschi di Siena, Intesa – San Paolo e BNL/BNP.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.