Yemen: attacco aereo della coalizione saudita uccide 12 civili

Pubblicato il 2 aprile 2018 alle 16:29 in Medio Oriente Yemen

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un attacco aereo effettuato dalla coalizione guidata dall’Arabia Saudita che sta combattendo in Yemen ha ucciso 12 civili, di cui 7 bambini, nella città costiera di Hodeidah, lunedì 2 aprile. Secondo quanto affermato dai testimoni dell’accaduto, l’attacco aereo avrebbe distrutto una casa nel distretto di al-Hali, in cui erano stati sistemati alcuni rifugiati provenienti dalle altre province.

“Prendiamo questo rapporto molto seriamente e avvieremo adeguate indagini per far luce sull’accaduto. Per ora preferiamo non esprimere altri commenti”, ha affermato un portavoce della coalizione saudita.

La città di Hodeidah ospita il porto più grande dello Yemen e, seppur molto impoverito, rappresenta un punto strategico attraverso il quale possono arrivare gli aiuti umanitari. Le operazioni nel porto sono gestite e controllate dagli Houthi, appoggiati nella guerra civile dall’Iran, e non sono state colpite dall’attacco aereo.

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sono intervenuti nella guerra civile in Yemen a partire dal 2015 contro gli Houthi con l’obiettivo di restaurare il governo internazionalmente riconosciuto del presidente Abd- Rabbu Mansour Hadi. L’alleanza saudita, che include anche Marocco, Egitto, Pakistan, Qatar, Giordania, Sudan, Kuwait, Bahrein e Senegal, ha condotto centinaia di attacchi aerei contro obiettivi Houthi dall’inizio della guerra. In alcuni casi questi attacchi hanno finito per coinvolgere anche civili innocenti.

La guerra, fino ad ora, ha comportato la morte di più di 10.000 persone e lo spostamento di più di 2 milioni di persone, spingendo il Paese sull’orlo di una grave crisi alimentare.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.