Presidenziali russe: scandali e accuse reciproche

Pubblicato il 6 marzo 2018 alle 21:00 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il membro della Commissione elettorale Centrale, Nikolaj Nevichev, ha affermato che su 11 conti del candidato alla presidenza della Russia Pavel Grudinin nelle banche svizzere ci sarebbero oltre 55 milioni di rubli.

In precedenza, il governo svizzero, su richiesta del governo russo, aveva riferito che Grudinin avrebbe aperto a partire dalla fine del 2017 ben 13 conti in una banca svizzera. Lo scorso 5 febbraio, il candidato ha riferito che la Commissione era stata informata della chiusura dei conti esteri.

A ridosso delle elezioni non mancano tuttavia le accuse reciproche tra i candidati.
L’opposizione: “Sostenitori reclutati sul web. Pagati impiegati e studenti”. E ancora un testimone: “hanno minacciato di tagliarmi il salario”.

Il portavoce della campagna di Putin, Andrei Kondrashov, ha tuttavia negato ogni accusa. Stando a quanto dichiarato dall’opposizione, non mancherebbero altre prove schiaccianti, come un annuncio che prometterebbe soldi in cambio della partecipazione al comizio.

“Uomini e donne tra i 20 e i 55 anni: vi aspettiamo il 3 marzo per il comizio ‘Per una Russia Forte’ a sostegno del presidente Vladimir Putin. Vi daremo 500 rubli”, recita l’annuncio apparso martedì scorso su un sito web russo. Secondo l’opposizione si tratterebbe della prova schiacciante che all’oceanico comizio di sabato pomeriggio, tenuto nello Stadio Luzhniki di Mosca, gran parte dei partecipanti sarebbero stati pagati.

Diversi sondaggi indicano che il 18 marzo circa il 69% dei russi voterà per la rielezione dell’attuale presidente. A sostegno di Putin, durante il comizio, hanno fatto la loro apparizione molti volti noti del mondo dello spettacolo, della cultura e dello sport.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.