Russia-USA: Putin chiede documenti ufficiali sul Russiagate

Pubblicato il 4 marzo 2018 alle 6:00 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità statunitensi, che hanno accusato 13 cittadini russi di ingerenza nelle elezioni americane, invece di “urlare nel Congresso” dovrebbero fornire documenti ufficiali, ha dichiarato il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, nel corso di un’intervista al canale televisivo NBC. 

All’osservazione della conduttrice Megan Kelly, laureata in legge, Putin ha spiegato: “Soprattutto chi ha una formazione del genere e conosce le basi del diritto internazionale dovrebbe capire da solo che in Russia non possiamo perseguire chi non ha violato le leggi russe. È necessario ottenere una richiesta dal Procuratore Generale della Federazione Russa. Forniteci i documenti corredati da una richiesta ufficiale”.

“La questione dovrebbe passare attraverso canali ufficiali, e non attraverso la stampa o attraverso le urla del Congresso degli Stati Uniti”, ha proseguito Putin.

Il procuratore speciale USA Robert Mueller aveva in precedenza accusato 13 cittadini russi, tra i quali Evgent Prigogin, di aver tentato di interferire nelle elezioni negli Stati Uniti. Tutto questo senza alcuna prova della loro colpevolezza. 

Da parte sua Mosca ha più volte respinto le accuse di ingerenza nelle elezioni degli Stati Uniti. Il segretario stampa del presidente russo, Dmitry Peskov, ha più volte definito queste accuse come “assolutamente infondate”.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo a cura di Italo Cosentino 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.