Il Gruppo di Lima isola Maduro

Pubblicato il 15 febbraio 2018 alle 6:10 in America Latina Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo venezuelano è sempre più isolato in America. Dopo gli Stati Uniti, i 12 integranti del Gruppo di Lima, cui si sono aggiunte per l’occasione Guyana e Saint Lucia, riuniti nella capitale peruviana, hanno annunciato che non riconosceranno l’esito delle elezioni presidenziali convocate dal governo di Caracas per il prossimo 22 aprile contro l’opinione delle opposizioni per favorire la rielezione di Nicolás Maduro.

I ministri degli esteri di Argentina, Canada, Cile, Colombia, Guatemala, Honduras, Messico, Panama, Paraguay, Perù, Brasile e Costa Rica hanno analizzato la situazione creatasi dopo il fallimento del tavolo negoziale di Santo Domingo. 

Oltre ad annunciare che il voto, per le principali diplomazie della regione, è illegittimo, il ministro degli esteri peruviano Cayetana Aljovín, ha annunciato che il presidente Maduro “non è il benvenuto” al Vertice delle Americhe che si terrà proprio a Lima il 13 e il 14 aprile prossimi.

“Qualsiasi rottura dell’ordine democratico in uno stato membro rende impossibile la partecipazione dello stesso al Vertice delle Americhe” – recita un documento approvato nel 2001 a Québec, sulla base del quale le diplomazie della regione hanno deciso di escludere Caracas dal consesso interamericano.

Il Gruppo di Lima ha chiesto ufficialmente al presidente Venezuelano di programmare un nuovo calendario elettorale e di garantire elezioni presidenziali libere, trasparenti, credibili e plurali senza ostacoli né cavilli legali ai danni delle opposizioni.

Le diplomazie regionali fanno inoltre riferimento alle indagini della Corte Penale dell’Aia sulla violazione dei diritti umani in Venezuela e all’ultima relazione in materia della Commissione Interamericana dei Diritti Umani, durissima nei confronti della situazione della democrazia nel paese.

“È una situazione che ci riempie di tristezza – ha dichiarato il ministro degli esteri colombiano María Ángela Holguín – perché i venezuelani hanno bisogno di medicine, di cibo, di cure… Il Venezuela deve pensare alla sua gente”.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.