Bangladesh: i rimpatri dei Rohingya verranno rimandati

Pubblicato il 23 gennaio 2018 alle 18:02 in Asia Myanmar

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il rimpatrio di centinaia di migliaia di profughi Rohingya dal Bangladesh verso il Myanmar non inizierà come programmato entro la fine di gennaio, poiché i lavori preparatori non sono ancora stati completati, secondo quanto comunicato dalle autorità dei due Paesi.

I rimpatri dei profughi Rohingya fuggiti dal Myanmar in Bangladesh per sfuggire alla campagna militare dell’esercito birmano sarebbero dovuti iniziare il 23 gennaio, secondo quanto stabilito da un accordo bilaterale tra i due Paesi siglato il 23 novembre 2017.

Secondo quanto reso noto dal Commissario per i Rifugiati e il Rimpatrio del Bangladesh, Mohammad Abul Kalam, c’è ancora molto lavoro preparatorio da fare prima di poter iniziare i rimpatri.

Dal mese di agosto 2017, sono 655 mila i Rohingya che hanno raggiunto i campi di accoglienza aldilà del confine del Bangladesh per sfuggire al picco massimo delle operazioni militari dell’esercito birmano che sono state definite dalle Nazioni Unite come azioni di pulizia etnica che sfociano in crimini contro l’umanità.

Secondo le Nazioni Unite, qualsiasi processo di rimpatrio deve essere volontario e partire dai profughi Rohingya stessi, soprattutto perché molti dei loro villaggi sono stati del tutto rasi al suolo.

Il Bangladesh ha cercato di rassicurare la comunità internazionale che soltanto coloro che vogliono tornare a casa nello stato nord-occidentale di Rakhine verranno rimandati indietro e il processo di rimpatrio coinvolgerà anche le agenzie per i rifugiati dei Rohingya.

Il Commissario per i Rifugiati e il Rimpatrio del Bangladesh, Mohammad Abul Kalam, ha dichiarato che i centri di transito per i rifugiati devono ancora essere costruiti e c’è ancora molto da fare per un processo molto rigoroso.

L’accordo sui rimpatri copre un totale di 750 mila rifugiati giunti dall’inizio della campagna militare nell’ottobre 2016, ma lascia fuori i 200 mila profughi Rohingya arrivati in Bangladesh prima di allora. Il totale di Rohingya in Bangladesh ammonta a più di un milione, secondo le ultime stime di Dhaka. I Rohingya sono una minoranza etnica di etnia musulmana che viene considerata dal Myanmar come costituita da immigrati clandestini provenienti dal Bangladesh.

Sicurezza Internazionale quotidiano di politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.