Corea del Sud: popolo contro Pyongyang alle Olimpiadi

Pubblicato il 22 gennaio 2018 alle 18:09 in Asia Corea del Sud

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La partecipazione della Corea del Nord alle Olimpiadi Invernali in Corea del Sud non è stata accolta bene dal popolo sudcoreano e le manifestazioni di dissenso si diffondono in tutto il Paese.

Gli atleti della Corea del Nord parteciperanno alle Olimpiadi di Pyeonchang – dal 9 al 25 febbraio prossimo – e le squadre olimpiche delle due Coree sfileranno in apertura sotto un’unica bandiera, quella della penisola coreana. Una notizia che secondo le autorità di Seoul dovrebbe portare a una maggiore distensione con Pyongyang e ad aprire la strada per i negoziati politici non è stata accolta favorevolmente dal popolo sudcoreano.

In molti sono scesi in piazza, lunedì 22 gennaio, per protestare contro la partecipazione della Corea del Nord alle Olimpiadi poiché ritengono che il governo di Seoul stia sfruttando la sua squadra olimpica per fini politici e che il presidente Moon Jae-in stia facendo troppe concessioni al leader nordcoreano, Kim Jong-un che viene considerato ostile e imprevedibile.

Un gruppo di manifestanti ha bruciato un’immagine ritraente Kim Jong-un causando l’intervento della polizia, nella scalinata di accesso alla stazione centrale di Seoul, dove è arrivata una prima delegazione sportiva nordcoreana.

Il governo di Seoul ha tentato di promuovere le Olimpiadi Invernali come “Giochi Olimpici di Pace” mirati a allentare la tensione sulla penisola dovuta al programma missilistico e nucleare del Nord. Se da un lato la Corea del Sud è riuscita a ottenere una minima apertura da parte di Pyongyang, dall’altro ha generato malcontento all’interno dei suoi confini nazionali.

Secondo quanto stabilito dalle riunioni operative tra le delegazioni delle due Coree svoltesi a inizio gennaio e approvato dal Comitato Olimpico Internazionale, ai Giochi parteciperanno 12 atleti nordcoreani che si uniranno alla squadra dei 23 sudcoreani, 3 nordcoreani dovranno essere scelti per partecipare alle gare per ciascuna disciplina olimpica. La popolazione sudcoreana ritiene che questa scelta abbia privato il Paese dell’occasione di portare tutti i suoi atleti per ragioni politiche e ritiene la decisione del governo una messa in scena.

Secondo un sondaggio condotto dai media di Seoul, il 73% della popolazione sudcoreana è contro il team congiunto delle due Coree.

Sicurezza Internazionale quotidiano di politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Ilaria Tipà

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.