Lettonia: muro di frontiera con Russia e Bielorussia entro il 2020

Pubblicato il 6 gennaio 2018 alle 6:06 in Repubbliche Baltiche Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Lettonia ha intenzione di rafforzare entro la fine del 2020 il confine di stato con la Russia e la Bielorussia e di dotarlo di barriere e controlli elettronici – è quanto ha riferito il Ministro dell’interno del paese baltico, Rihards Kozlovskis, del partito liberal-conservatore Vienotiba (Unità) che governa la Lettonia in coalizione con l’Unione dei contadini e dei verdi e l’estrema destra di Alleanza Nazionale.

“Quest’anno, in accordo con il progetto, dobbiamo terminare la costruzione del cosiddetto muro al confine con la Russia, per una lunghezza totale di 93 km,” – ha dichiarato nel corso di in un’intervista al canale televisivo locale LNT. Allo stesso tempo, secondo il capo del dicastero dell’interno, le forti piogge che hanno colpito la repubblica baltica nello scorso autunno hanno ritardato la costruzione di una recinzione al confine con la Federazione russa.

“All’inizio di quest’anno si prevede di finalizzare il progetto tecnico e di iniziare a dotare di opportune misura di sicurezza anche confine con la Bielorussia. Nella mia visione entro il 2020 compreso, dobbiamo finire la disposizione della messa in sicurezza del confine orientale sia con la Russia e con la Bielorussia” – ha sottolineato Kozlovskis, che, tra l’altro, è di origine russa.

Al fine di limitare il flusso di migranti illegali, nel 2015 la Lettonia ha deciso di erigere una muro di frontiera della lunghezza totale di circa 90 km su alcune sezioni del confine con la Russia. Per la costruzione della barriera le autorità di Riga hanno stanziato un budget di oltre 17 milioni di euro per quattro anni. L’altezza di questa recinzione, tenendo conto del filo spinato, sarà di 2,7 metri e sarà equipaggiata con telecamere a circuito chiuso e sensori di movimento.

Per gli stessi scopi, lo scorso marzo le autorità lettoni hanno dichiarato l’intenzione di costruire una barriera lunga 120 km al confine con la Bielorussia. I lavori per la costruzione di questa seconda barriera inizieranno nel 2018 e il costo totale di questo progetto è stimato in 9,6 milioni di euro.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.