Palestina: Israele bombarda le postazioni di Hamas

Pubblicato il 12 dicembre 2017 alle 18:02 in Medio Oriente Palestina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le forze israeliane hanno bombardato alcune postazioni di Hamas nella Striscia di Gaza, in risposta al lancio di un missile dal territorio palestinese.

Secondo quanto riferito in un comunicato, emanato dall’esercito israeliano lunedì 11 dicembre 2017, “i carri armati e i velivoli della Difesa aerea hanno bombardato le postazioni di Hamas nel sud della Striscia di Gaza, in risposta al lancio di un missile”, che sarebbe stato immediatamente intercettato dalle forze di difesa israeliane. I militari israeliani non hanno fornito ulteriori informazioni in merito al luogo preciso in cui si trovano le postazioni e al bilancio delle vittime del bombardamento. Secondo quanto riferito da Al-Arabiya in lingua araba, il raid aereo israeliano avrebbe causato la morte di due palestinesi.

Si tratta del secondo raid aereo israeliano nella Striscia di Gaza in meno di una settimana. Nella notte tra venerdì 8 e sabato 9 dicembre 2017, tre caccia israeliani avevano colpito quattro postazioni di Hamas, situate nella regione centrale di Gaza, causando la morte di due cecchini palestinesi. I raid israeliani erano giunti in risposta a 3 attacchi missilistici diretti verso il territorio meridionale di Israele. Tali attacchi erano stati rivendicati da un nuovo di ideologia salafita jihadista che si fa chiamare “Brigate Saladino”. Dal canto suo, l’esercito israeliano aveva affermato che avrebbe ritenuto Hamas direttamente responsabile per qualunque “attività ostile” proveniente dal territorio della Striscia di Gaza.

Gli scontri tra la Striscia di Gaza e Israele si sono intensificati in seguito al riconoscimento da parte del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di Gerusalemme come capitale di Israele, annunciato ufficialmente il 6 dicembre 2017. Il giorno successivo alla comunicazione della decisione di Trump, giovedì 7 dicembre 2017, i palestinesi avevano proclamato la “giornata della rabbia”, dando vita a manifestazioni di protesta contro la scelta dell’amministrazione americana.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.