Ginevra 8: la delegazione del regime non partecipa alla seconda sessione

Pubblicato il 5 dicembre 2017 alle 21:23 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La delegazione del regime siriano di Bashar Al-Assad sta decidendo se partecipare o meno alla seconda sessione di dialogo dell’ottavo round dei negoziati di Ginevra, che sarebbe dovuta iniziare martedì 5 dicembre 2017, secondo quanto riferito da fonti vicine al regime.

Le delegazioni del regime e dell’opposizione sarebbero dovute tornare a Ginevra entro martedì 5 dicembre 2017, per prendere parte alla seconda sessione dei negoziati, dopo che le discussioni erano state sospese durante il fine settimana. I rappresentanti del governo siriano sono, però, rimasti a Damasco, senza fornire indicazioni chiare sulle loro intenzioni. In merito alla questione, una fonte vicina al regime ha riferito che Damasco starebbe ancora riflettendo sulla possibilità di partecipare all’incontro e che la decisione definitiva verrà comunicata attraverso i canali diplomatici.

L’opposizione ha descritto la posizione del regime come “imbarazzante” per la Russia, alleata del presidente siriano. I rappresentanti dell’opposizione hanno ripreso i negoziati con l’inviato speciale del segretario generale dell’ONU per la Siria, Staffan de Mistura, nel pomeriggio di martedì 5 dicembre, dopo aver raggiunto Ginevra il giorno precedente. In tale occasione, essi hanno esortato la delegazione a riprendere i colloqui per raggiungere una soluzione al conflitto siriano.

La delegazione del regime aveva lasciato Ginevra sabato 2 dicembre 2017, dopo aver ricevuto una lista di 12 punti da parte de Mistura, sulla quale entrambe le parti avrebbero dovuto riflettere prima di discuterne con la fazione avversaria durante la seconda sessione di dialogo.

Giovedì 30 novembre 2017, l’inviato speciale aveva annunciato che l’ottavo round dei negoziati di Ginevra sarebbe stato esteso fino al 15 dicembre 2017, al fine di raggiungere una soluzione politica alla guerra civile siriana, iniziata il 15 marzo 2011. La notizia era stata comunicata dopo i primi incontri di de Mistura con le delegazioni del regime e dell’opposizione siriana, che si erano tenuti a Ginevra lo stesso giorno. In tale occasione, i rappresentanti delle due fazioni non si erano incontrati, ma avevano discusso con l’inviato speciale in due sessioni separate. Il giorno precedente, il 29 novembre 2017, de Mistura aveva incontrato soltanto gli esponenti dell’opposizione siriana, dal momento che la delegazione del regime aveva deciso, in un primo momento, di non prendere parte ai negoziati. La decisione era stata presa come segno di protesta nei confronti della richiesta, avanzata dall’opposizione il 24 novembre 2017, delle dimissioni di Bashar Al-Assad, come primo passo per iniziare una transizione politica in Siria.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.