Trump alla CNN: fonte di “fake news”

Pubblicato il 26 novembre 2017 alle 13:40 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è scagliato contro l’emittente televisiva americana CNN, accusandola di divulgare notizie false e affermando che Fox News è “molto più importante” della CNN.

In un tweet apparso sul suo account ufficiale (@realDonaldTrump), nella giornata di sabato 25 novembre, il presidente Trump ha aspramente criticato il modus operandi e la credibilità della CNN (acronimo di Cable News Network), una delle principali emittenti televisive di informazione americane.

“Negli Stati Uniti FoxNews è MOLTO più importante della CNN, mentre al di fuori degli USA, CNN International è ancora una delle principali fonti di (Fake) news, e presenta la nostra Nazione agli occhi del MONDO molto malamente” ha twittato il presidente, tacciando la CNN di divulgare “fake news”, letteralmente notizie false. “Attraverso di loro il mondo esterno non vede la verità!”, ha concluso Trump sul social.

Il presidente degli Stati Uniti ha ripetutamente criticato la CNN durante il suo mandato e ancor prima in campagna elettorale, sempre tacciando l’emittente di diffondere “fake news”. Al contrario, egli è apparso innumerevoli volte su Fox News e ha apprezzato ed elogiato conduttori come Sean Hannity per come seguono i temi trattati e per gli indici d’ascolto.

Le recenti critiche del presidente Trump alla CNN arrivano all’indomani della possibilità di un’eventuale fusione tra AT&T e Time Warner. In tal proposito Trump si era mostrato scettico, riferendo ai cronisti che l’accordo tra le due società “non è buono per il Paese”, esprimendo inoltre le sue preoccupazioni su un eventuale incremento dei costi per i consumatori. Il tentativo di impedire tale fusione, portato avanti dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, è in corso di scrutinio. A quanto è emerso, il Dipartimento di Giustizia avrebbe chiesto ad AT&T di vendere Time Warner, la società a cui la CNN appartiene; AT&T ha tuttavia smentito di aver ricevuto una simile direttiva. Restano i sospetti che la bocciatura del matrimonio tra le due società sia legata ai cattivi rapporti fra Trump e la CNN (e dunque, per estensione, Time Warner).

Non ha tardato ad arrivare la risposta della CNN, che ha replicato alle accuse del presidente Trump tramite lo stesso social network. “Non è compito della CNN rappresentare gli USA davanti al mondo” ha replicato su Twitter il team addetto alle pubbliche relazioni della CNN. “Quel compito è tuo. Il nostro lavoro è riportare le notizie”.

A cappello del tweet di replica, la CNN ha usato l’hashtag #FactsFirst (letteralmente: prima i fatti), il nome della recente campagna lanciata dall’emittente nord-americana. Il messaggio termina poi con l’emoticon di una mela, anch’esso un riferimento alla medesima iniziativa.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.