Pakistan: esplosione a Quetta, almeno 4 morti

Pubblicato il 25 novembre 2017 alle 16:08 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un attacco suicida avvenuto a Quetta, città sud-occidentale del Pakistan, e diretto contro un convoglio di forze paramilitari ha ucciso almeno quattro passanti.

L’attacco kamikaze è stato condotto contro alcuni veicoli che trasportavano i membri delle forze paramilitari delle Frontier Corps, che garantiscono la sicurezza della turbolenta provincia pakistana, ed è avvenuto nel pomeriggio si sabato 25 novembre a Quetta, capitale della provincia del Belucistan. A riferirlo è stato il comandante della polizia locale Abdul Razzaq Cheema.

L’esplosione ha fatto almeno quattro vittime, tutte civili. Sono invece almeno 15 le persone che sarebbero rimaste ferite nella deflagrazione, ha aggiunto il comandante rivolgendosi ai giornalisti presenti sul posto.

“La nostra indagine è in corso, ma dalle prove che abbiamo accumulato finora sul posto, si è trattato di un attacco suicida”, ha spiegato. “Era un’area estremamente affollata; in quel momento sul posto erano presenti risciò e altre autovetture.” Nessun gruppo terroristico ha ancora rivendicato l’attentato.

Le forze di sicurezza sono impegnate sul territorio della provincia del Belucistan da una decina di anni; qui combattono contro un movimento separatista locale armato, e la regione ha assistito anche a un’ondata di attacchi per mano del gruppo Tehrik-i-taliban Pakistan (Ttp) e dei suoi alleati.

A mano a mano, la polizia ha iniziato a essere presa di mira anche da alcuni affiliati locali del gruppo dello Stato Islamico di Iraq e del Levante (ISIS), come ad esempio la fazione di Lashkar-e-Jhangvi’s Al-Alami. Precedentemente, sempre nel mese di novembre, un ufficiale di polizia di alto grado è stato ucciso in un simile attacco all’interno del suo veicolo nella capitale della stessa provincia pakistana.

A ottobre, invece, almeno sette membri della squadra antiterrorismo della polizia pakistana sono stati uccisi durante un’esplosione avvenuta sul ciglio di una strada e volta a colpire un camion in cui le forze dell’ordine stavano lavorando.

Il ministro dell’Interno del Belucistan, Sarfaraz Bugti, ha condannato l’attentato con vrevi commenti rilasciati alla stampa nel corso della giornata. “Quetta è in uno stato di guerra”, ha affermato.

Frontier Corps è il nome che designa le truppe paramilitari legate all’esercito pakistano e incaricate di proteggere la frontiera occidentale dello Stato. Esse costituiscono una forza di 80mila soldati, situati nelle province del Belucistan e di Khyber Pakhtunkhwa (quest’ultima era in precedenza nota come Provincia della Frontiera del Nord Ovest), come pure nelle regioni tribali. Pattugliando una sconfinata zona di frontiera, le forze Frontier Corps giocano un ruolo di primo piano nel garantire la sicurezza del Pakistan.

Il Tehrik-e-Taliban Pakistan è la principale coalizione che raggruppa i talebani pakistani. Si è costituita nel 2007, aggregando una quarantina di fazioni localizzate nel territorio nord-occidentale del Pakistan. Il movimento ha rivendicato la maggior parte degli attentati che hanno colpito il Paese dalla fine del 2007 in poi causando la morte di oltre 4mila persone. Si trova in aperto conflitto con le autorità pakistane e mira a rovesciare il potere del governo.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Claudia Castellani

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.