Libano: Al-Hariri ritira le dimissioni

Pubblicato il 22 novembre 2017 alle 11:45 in Libano Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro libanese, Saad Al-Hariri, ha ritirato le dimissioni, poco dopo essere rientrato a Beirut, dopo quasi tre settimane di assenza dal proprio Paese.

Il premier ha annunciato la propria decisione nella mattinata di mercoledì 22 novembre 2017, durante il proprio discorso in occasione della festa per la celebrazione del 74esimo anniversario dell’indipendenza del Libano, che si celebra il 22 novembre.

In tale occasione, Al-Hariri ha dichiarato: “Oggi ho presentato le mie dimissioni al presidente Michel Aoun e lui mi ha chiesto di aspettare e di attendere ulteriori consultazioni in merito alle motivazioni e ai retroscena politici e io ho acconsentito al suo desiderio” e ha aggiunto: “desidero servire gli interessi più alti del Libano, prima di qualsiasi altro interesse, e tutelare la pace del popolo libanese”.

Il premier libanese era atterrato all’aeroporto di Beirut il giorno precedente, nella serata di martedì 21 novembre 2017, dopo essere stato lontano dal proprio Paese per circa tre settimane. Si tratta della prima volta che il premier libanese si trova in Libano da quando, il 4 novembre 2017, Al-Hariri aveva rassegnato ufficialmente le proprie dimissioni, temendo un attentato contro la propria vita. Al momento dell’annuncio, il primo ministro si trovava in Arabia Saudita, dove era giunto il giorno precedente, il 3 novembre 2017. Da quel momento Al-Hariri non aveva fatto più ritorno in Libano fino a martedì 21 novembre.

Precedentemente, sabato 18 novembre, Al-Hariri si era recato in visita a Parigi, su richiesta del presidente francese, Emmanuel Macron. Da qui, era poi volato al Cairo per incontrare il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi. L’incontro si è tenuto nella mattinata di martedì 21 novembre 2017, prima che, lo stesso giorno, il primo ministro libanese si recasse a Cipro per incontrare il presidente Nicos Anastasiades. Durante il meeting, che si è svolto prima che Al-Hariri facesse ritorno a Beirut, le due parti hanno discusso gli ultimi sviluppi della situazione del Libano e Anastasiades ha promesso l’invio di rifornimenti militari a Beirut.

In merito alla questione delle dimissioni del primo ministro, il presidente libanese aveva affermato che non avrebbe accettato le dimissioni di Al-Hariri fino a quando il premier non le avrebbe presentate formalmente, dopo essere tornato a Beirut.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.