Iraq: Al-Abadi annuncia la sconfitta militare dell’ISIS

Pubblicato il 22 novembre 2017 alle 18:06 in Iraq Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro iracheno, Haider Al-Abadi, ha annunciato che le forze irachene hanno sconfitto lo Stato Islamico “militarmente” e ha affermato che dichiarerà la vittoria definitiva contro l’organizzazione soltanto dopo aver sconfitto gli ultimi militanti che si sono rifugiati nel deserto.

Secondo quanto riferito da alcuni capi militari, infatti, alla campagna contro lo Stato Islamico sono rimaste da liberare soltanto le zone desertiche e di confine con la Siria.

Il premier ha rilasciato le dichiarazioni martedì 21 novembre 2017, pochi giorni dopo la liberazione di Rawa, l’ultima roccaforte dello Stato Islamico in Iraq, situata nella zona desertica del governatorato di Al-Anbar, al confine con la Siria, avvenuta il 17 novembre. La liberazione dell’ultima città irachena dal controllo dello Stato Islamico ha comportato la sconfitta dell’organizzazione nel territorio iracheno, ma non la sua disfatta definitiva, dal momento che i militanti dell’ISIS si starebbero nascondendo nelle zone desertiche e si starebbero trasformando in un gruppo terroristico.

Le affermazioni di Al-Abadi sono giunte in risposta al discorso pronunciato lo stesso giorno dal presidente iraniano, Hassan Rouhani, il quale, martedì 21 novembre ha annunciato la fine dello Stato Islamico, sottolineando il ruolo importante svolto dalle truppe iraniane nel sostenere la Siria e l’Iraq nella lotta contro l’organizzazione.

Nel suo discorso, Al-Abadi ha altresì sottolineato l’importanza dell’unità nazionale, affermando che “le differenze politiche possono spianare la strada ai gruppi estremisti, facilitandoli nel perpetrare i propri attacchi”. Il premier si riferisce ai contrasti tra il governo centrale di Baghdad ed Erbil, che hanno portato a scontri armati tra l’esercito iracheno e i Peshmerga curdi a Kirkuk. I contrasti tra le due parti sono nati dopo che, il 25 settembre 2017, i curdi iracheni si sono recati alle urne per votare a favore dell’indipendenza della regione del Kurdistan dall’Iraq.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.