Russia, Iran e Turchia discutono la questione siriana

Pubblicato il 21 novembre 2017 alle 6:03 in Medio Oriente Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I ministri degli Esteri di Iran, Russia e Turchia si sono incontrati ad Antalya, nel sud della Turchia, per discutere la guerra civile siriana, prima che i presidenti dei tre Paesi si riuniscano a Sochi, in Russia, in occasione del “Congresso del dialogo siriano”, che si terrà il 22 novembre 2017.

Il “Congresso del dialogo siriano”, che si sarebbe dovuto tenere il 18 novembre nella città russa di Sochi, era stato posticipato dalla Russia, a causa del rifiuto di partecipare da parte dell’opposizione siriana e dell’opposizione della Turchia alla presenza del Partito dell’unione democratica curdo. L’incontro, che si terrà il prossimo 22 novembre, mira a trovare una soluzione politica al conflitto siriano. All’ordine del giorno vi saranno i temi della riduzione della violenza nel Paese e gli aiuti umanitari.

Il 19 novembre 2017, il ministro degli esteri turco, Mevlut Cavusoglu, ha incontrato i propri omologhi russo, Sergei Lavrov, e iraniano, Javad Zarif, per discutere la questione siriana “a porte chiuse”. Non sono stati forniti ulteriori dettagli in merito agli argomenti trattati, tuttavia, alla fine dell’incontro, Lavrov ha descritto i negoziati come “molto utili” e ha aggiunto che le parti “hanno raggiunto accordi su tutti i temi chiave”. Secondo quanto riferito dal ministro russo, prima dell’incontro tra i presidenti di Russia, Iran e Turchia, anche le forze armate dei tre Paesi si riuniranno per discutere la questione siriana.

Il 13 novembre 2017, il presidente russo, Vladimir Putin, aveva incontrato il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, a Sochi, in Russia, per discutere la questione siriana e la situazione in Medio Oriente, con particolare riferimento alla questione delle zone cuscinetto, che sono state create in Siria secondo quanto stabilito in occasione del quarto round dei negoziati di Astana, che si era tenuto nella capitale del Kazakistan il 3 maggio 2017.

Mosca, Teheran e Ankara sponsorizzano i negoziati di Astana, che fanno parte del processo di pace siriano. Durante la quarta sessione dei negoziati, tenutasi il 3 e 4 maggio 2017 nella capitale del Kazakistan, le parti avevano stabilito la creazione di quattro zone cuscinetto in Siria, per favorire la fine delle ostilità nel territorio.  

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.