Yemen: attacco suicida ad Aden

Pubblicato il 14 novembre 2017 alle 13:26 in Medio Oriente Yemen

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un’autobomba è esplosa nei pressi della sede delle forze di sicurezza, situata nel centro della città di Aden, nella zona meridionale dello Yemen. Lo Stato Islamico ha rivendicato la responsabilità dell’attentato.

Secondo quanto riferito da alcuni testimoni oculari, nella mattinata di martedì 14 novembre 2017, un’autobomba sarebbe esplosa proprio di fronte all’entrata principale della sede delle forze di sicurezza, causando la morte di 10 uomini delle forze di sicurezza e il ferimento di altre 14 persone, tra cui alcuni civili.

La città portuale di Aden è diventata il quartier generale provvisorio del governo dello Yemen riconosciuto a livello internazionale; tale governo era stato costretto a spostarsi a Aden dopo che gli Houthi erano entrati nella capitale Sanaa il 21 settembre 2014, prendendone il completo controllo.

Lo Yemen è dilaniato dalla guerra civile dal 21 marzo 2015. Nel conflitto si contrappongono due fazioni che rivendicano la legittimità del potere. Da un lato, gli Houthi, un gruppo zaidita sciita, che ha la propria base nella capitale Sana’a e che si è alleato con il presidente yemenita destituito Ali Abdullah Saleh. Dall’altro le forze del governo del presidente Rabbo Mansour Hadi, deposto con un colpo di stato il 22 gennaio 2015, che hanno la propria base ad Aden. Il presidente Rabbo Mansour Hadi è l’unico riconosciuto dalla comunità internazionale.

La città di Aden è diventata un obiettivo per i ribelli, da quando, il 14 luglio 2015, la coalizione araba, a guida saudita, che sostiene il presidente Hadi era stata liberata dal controllo degli Houthi e viene spesso colpita da attacchi contro le forze di sicurezza. Il 5 novembre 2017, un’autobomba era esplosa ad Aden, presso un posto di blocco situato nei pressi del principale quartier generale del territorio di Khor Maksar. La detonazione aveva causato la morte di 15 soldati e il ferimento di altri 18. L’attentato era stato rivendicato dallo Stato Islamico.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.